WINDOWSILL + on my arms + great escape LIVE

WINDOWSILL + on my arms + great escape LIVE
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!

AGRITURISMO LA DI MORSON CODROIPO UDINE

1658355_429879713853911_4509651175235518646_o

Serata all’insegna del punk rock in quel di Udine, a dividersi il palco due band locali e gli olandesi Windowsill arrivati assieme agli ultrà del Rotterdam ma con intenzioni meno brutte.

L’associazione culturale “IL GNOTUL” sta  organizzando parecchie serate interessanti e questa è una di quelle che mi incuriosisce di più, non avendo mai visto dal vivo questo progetto ma avendo apprezzato parecchio tutto quello che hanno inciso. In attesa che il pubblico si ambienti tocca ai giovanissimi Great Escape scaldare gli animi con una performance acerba ma di ottimo livello compositivo, un notevole batterista e pezzi veramente ben scritti, con influenze di vario genere ma sempre con le caratteristiche del punk melodico d’oltre oceano.

Seguono i più rodati OnMyArms che in varie occasioni sono passati dalle nostre parti, i pezzi nuovi suonano parecchio bene e nonostante la voce non si un pò bassa i quattro si difendono alla grande sopra il palco, onestamente è un pò che aspetto la registrazione di un album vero e proprio e con la serie di live che stanno inanellando spero che sia questo il loro prossimo passo.

10904485_429879830520566_4646637000053054794_o

Una decina di minuti e si parte con i “vecchi” della serata, la band principale in cartellone, che dispone sul palco ben 3 membri ed ex di Apers, qualcuno dei Giant Eagles, Accellerators e vari altri progetti minori o solisti. Il curriculum è di tutto rispetto, e lo si nota dal primo pezzo, tutti e quattro sono particolarmente rodati e fra canzoni del disco nuovo, un tributo agli Apers e tracce tratte da singoli e disco vecchio infiammano il pubblico anche con melodie orecchiabilissime e cori degni dei Beach Boys.

Le canzoni che più li coinvolgono fanno parte del disco “SHOWBOATING” e il bassista che non ricorda ne testi ne accordi canalizza tutti gli sguardi della platea su di se grazie al suo impeccabile gessato grigio e ai suoi lughi capelli alla Evan Dando. L’unica osservazione che mi sento di fare è che dal vivo la band rende meno che in registrazone visto il livello di difficoltà che hanno i vari arrangiamenti dei pezzi.

Qui siamo comunque su un livello decisamente alto di composizione e Nicotine, voce e chitarra scrive esattamente gli stessi pezzi orecchiabili che scriveva con gli Apers, cantati però con una voce decisamente più consona al contesto. Sicuramente un concerto ottimo e valido sia per scoprire nuove leve locali sia per capire come sta mutando la scena punk rock dei veterani, da cui si ha certamente molto da imparare.

 


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: