Punkadeka.it CONTEST

BILLIE JOE ARMSTRONG: “No Fun Mondays”

Come era ampiamente prevedibile, le cover che Billie Joe Armstrong pubblicava ogni lunedì durante la quarantena sono confluite in un album intitolato “No Fun Mondays” e uscito a Novembre dello scorso anno per Reprise Records.
Essendo davanti ad un album di cover, oltretutto di band o artisti che il sottoscritto conosce pochissimo (eccezion fatta per Avengers e Billy Bragg), preferisco soffermarmi maggiormente sulla capacità del frontman dei Green Day (nonché Pinhead Gunpowder, Foxboro Hot Tubes, The Network, The Armstrongs, The Longshot ecc ecc) di rendere bella e melodica ogni traccia alla quale si approccia; capacità innata che non tutti gli artisti del punk rock e del rock in generale hanno. Esempio più lampante di tutto questo è il ri-arrangiamento di A New England di Billy Bragg, ultima traccia del disco, che, seppur abbastanza fedele all’originale, aggiunge quel qualcosa in più a livello melodico che la rende assolutamente irresistibile.
Pezzi di cui parlare ce ne sarebbero moltissimi: tra tutti scelgo l’iniziale I Think We’re Alone Now di Tommy James and the Shondells, col suo ritmo danzereccio (ma con chitarre distorte a differenza dell’originale del 1967) e la successiva War Stories, molto fedele all’originale degli Starjets, uno dei pezzi più punk rock dell’album assieme a Kids in America, che dall’elettro/post punk della versione originale di Kim Wilde passa al più canonico punk rock 4/4 e palm muting. Impossibile da non citare Amico di Don Backy, pezzo del pop italiano anni ’60 reinterpretato in chiave power pop con un cantato in italiano più che degno per un artista californiano, Gimme Some Truth di John Lennon, eseguita in maniera molto più fedele alla versione dei Generation X di Billy Idol e, per finire, quella Police on My Back dei The Equals resa immortale dai The Clash.
Quasi tutti i brani sono stati suonati interamente da BJA, ad eccezione di qualche sparuta presenza degli amici Jason White, Bill Schneider (Green Day/Pinhead Gunpowder) e dello storico drum engineer Chris Dugan.
“No Fun Mondays” è un album che manifesta, una volta di più, la poliedricità e l’amore per il rock’n’roll che ha sempre contraddistinto Billie Joe Armstrong, la stessa poliedricità e lo stesso amore che il cantante californiano ha cercato negli ultimi anni di introdurre nei suoi Green Day, non riscontrando sempre pareri positivi dai fans. Magari con un album da solista, seppur di cover, ci riesce.

Tracklist:
LATO A
I Think We’re Alone Now
War Stories
Manic Monday
Corpus Christi
That Thing You Do!
Amico
You Can’t Put Your Arms Around a Memory
LATO B
Kids in America
Not That Way Anymore
That’s Rock ‘N’ Roll
Gimme Some Truth
Whole Wild World
Police on My Back
A New England

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Rimani aggiornato con tutte le news direttamente nella tua inbox!

Iscriviti alla newsletter, inserisci la tua email:

Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03) NO SPAM! Potrai disiscriverti in qualisasi momento.

Previous Article

BAD RELIGION - The Decades: 10’s

Next Article

Nuovo split Minoranza di Uno + Soviet Order Zero

Potrebbe interessarti..
Total
5
Share

Cosa aspetti?

Rimani aggiornato con tutte le news di Punkadeka.it direttamente nella tua inbox!

Inserisci la tua email


Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03)
NO SPAM!
Potrai disiscriverti in qualisasi momento.