CAVAVERMAN: James Dead

C’erano una vola i Berenice Beach, una band che tra metà e fine anni ’90 imperversava sulla scena punk milanese e brianzola, quando si sciolsero Ste (bs) entrò prima nei Crooks e poi nei Gerson, Sal (ch) e Beppe (bt) formarono i Viboras, band che ottenne qualche successo nella prima metà degli anni ’00, e fece uscire un ottimo cd su Ammonia Records (Wrong, 2005).
Quando si sciolsero anche i Viboras, dopo un breve periodo di inattività, Sal, Beppe e il bassista dei Viboras Giò, si rimisero insieme e formarono questi Cavaverman, tornando al loro amore originario: l’horror punk.
Di questo si tratta quindi: prendete i Misfits al top della loro forma, congelateli nel 1999 risparmiandogli tutte le schifezze che ha fatto Jerry Only ultimamente, sostituite al loro lato metallaro una buona dose di melodia anthemica alla Bouncing Souls, e boom…voilà i Cavaverman. L’immaginario è sempre quello, fatto di zombi, uomini lupo, vampiri, e horrorame vario, le coordinate musicali idem: ritmiche belle sostenute, cori a squarciagola, da fingerpointing selvaggio. In qualche pezzo si tenta una ritmica diversa: un po’ più lenta in “Zombie lover” e “Werewolves” (bello l’intermezzo melodico/tamarro), un po’ più spezzettata in “I am the one“, ma siamo sempre da quelle parti.
Qui c’è il loro bandcamp: http://cavaverman.bandcamp.com/  se vi piace il genere, direi che un ascolto glie lo dovreste dare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Potrebbero interessarti anche ...