DSA Commando+Bull Brigade+5MDR al New Ideal (Magenta, 18/01/19)

Ogni volta che suonano i Bull Brigade mi immagino sempre il pienone, la gente sui muri, l’anima punk che fa sudare i muri, ma non stavolta, sa il cazzo cos’è successo ma sto giro ci siamo dovuti accontentare di un locale pieno a metà, ma c’è anche da dire a difesa dei presenti che il concerto è stato vissuto a dovere, anzi tirando le somme è stato anche un bel concerto, senza dubbi, ma andiamo come sempre con ordine.
Arrivo che hanno appena aperto, dentro ci sono già alcune persone, per il locale gironzolano i gruppi e gli organizzatori un po sul preoccupato andante, saluto qualche amico e mi metto come al solito a fare il portinaio della scena coi miei compagni di redazione Amanda e Maurizio, nel frattempo arriva un po di gente, ma non si può parlare di pubblico delle grandi occasioni, peccato perché stanno per salire sul palco a distanza di mille anni dall’ultima volta i savonesi 5MDR, per quanto mi riguarda la punta di diamante dello streetpunk italiano, per nulla arrugginiti ringhiano da subito i pezzi migliori e qualche chicca nuova, lasciando a bocca aperta i presenti che non li conoscevano, per me una conferma di quanto ho sempre scritto su di loro: grinta, passione, attitudine e rabbia che trasuda da ogni poro.
Finito un ottimo set ne inizia un altro, i Bull Brigade si presentano in formazione (per me che non li vedo da un po) rinnovata, coi soli Eugy, Gigio e Mark visti una vita fa, ma il Manager al basso lo conosco per i trascorsi con i Mad Beat e la nuova chitarra (mi pare molto molto giovane) non è per nulla intimorito e, anzi, ci da dentro per bene. Sul live non c’è nulla da dire, i torinesi sono delle belve e davanti a 10 o 1000 persone suonano sempre al 110% e anche se mi sembrava abbastanza vuoto davanti devo dire che, guardando le foto non è mancata la “fotta” e il bel clima teso che si respira ai concerti dei Bull, che coi pezzi migliori riescono a raddrizzare una serata partita fiacca e finita a sto punto molto bene.
Finito il concerto si smonta tutto e si prepara per i DSA Commando, mai sentiti e mai visti, ma c’è da dire che la tensione è quella, non mi catturano molto ma vedo con piacere che sotto al palco si forma un bel gruppetto di gente che conosce tutti i pezzi.
Insomma a bocce ferme mi vien da dire che la serata è riuscita abbastanza bene, chiaro che col ben di Dio che c’era sul palco ci si aspettava molto di più, ringrazio come sempre Out Of Control e Motorcity Produzioni che hanno organizzato tutto ed il New Ideal che ha ospitato l’evento, è un momentaccio ragazzi, ma non mollate!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Potrebbero interessarti anche ...