HELIA: Shivers

Prendendo con le dovute accortezze la definizione, la primaidea che ci si fa degli Helia è di una band che tenta in tutti i modi di esseregli Enter Shikari all’italiana.

Ciò che viene fuori da “Shivers” è qualcosa diassai strano e a doppio taglio, da una parte un mix di suoni che spesso vannoin netto contrasto, dall’altra la sensazione di strano che rieccheggia ogniqualvolta si ascoltano i brani presenti. Al suo interno c’è di tutto:trance/electro music in stadio avanzato, screamo, giunture pop e per finire unaspruzzata di metalcore che non fa mai male.

Difficile dare un giudizio su unsimile lavoro, perché assai soggettivo.

Può piacere e può far schifo comedisco, proprio per questo motivo va assolutamente ascoltato con attenzione primadi acquistarlo.

Perché in fondo il problema vero nel complesso rimane sempre lostesso: a chi è consigliato un simile prodotto? A un discotecaro? Non direi. Aun emo/ciuffo violento? Non direi. A un metallaro? Vade retro! A chi insomma?!Forse ai teenager alle prime esperienze post Tokio Hotel o magari anche a voi,capaci di aprire la vostra visuale a un prodotto finora unico nel panoramaitaliano.

Staremo a vedere!

Voto: 6

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Potrebbero interessarti anche ...