INTERVISTA A THE BLOODSTRINGS

E’ da poco uscito il loro nuovo EP, parliamo di questo e di altro con Manny e Manuel, rispettivamente chitarrista e batterista della band.

Prima intervista per Punkadeka.it … presentatevi

Manni: Mi chiamo Manuel, ma la maggior parte dei miei amici mi chiama semplicemente Manni. Suono la chitarra e faccio le cori per The Bloodstrings.
Patrick: Io sono Patrick e suono la batteria nella band.

Come ve la passate in questo periodo di restirizioni obbligate, come lo avete vissuto?

Manni: Sto abbastanza beneper quanto riguarda la vita “privata”.
Anche se sono gradualmente incazzato per l’incapacità del nostro governo in questa pandemia apparentemente infinita e mi mancano molto i miei amici e la mia famiglia, sono riuscito a non cadere in depressione o semplicemente a impazzire.
Lavoro come colui che voi in Italia chiamereste un “paramedico”, quindi ho avuto qualche esperienza faccia a faccia con persone che hanno sofferto e sono morte a causa del Covid-19. Tutto quello che posso dire è che non è divertente e spero solo che finisca il prima possibile.
Ricordo gli schermi televisivi dall’inizio della pandemia quando in Italia divenne davvero molto brutta. Ci sentiamo vicini a voi.
Patrick: Sì, sono totalmente d’accordo con Manni. Nel mio ambiente personale stanno ancora tutti bene, nessuno ha perso il lavoro o si è ammalato gravemente. Ma quando vivi in ??un piccolo appartamento, senza balcone o giardino, posso immaginare che deve essere molto più difficile di quanto non sia stata la mia vita in questi giorni. Spero che questa pandemia e le conseguenti restrizioni finiscano presto.

Come ci si sente a fare un uscire un EP in questo periodo… senza possibilità di live per supportarlo…

Manni: Pubblicare finalmente cose nuove è sicuramente fantastico, anche se non possiamo davvero suonare “release-show” per l’EP. Ma abbiamo già suonato tutte le canzoni nei live set, quindi non è così male.
Patrick: Sì, vero, ma per me è un po ‘strano e altrettanto triste non poter suonare le canzoni dal vivo e poi vedere tutte le persone che corrono verso il nostro merchandising, urlando e salutando con i soldi per ottenere uno dei nostri EP (ah ah!) No, sul serio definirei la situazione diversa, ma ok. Faremo il lavoro dal vivo più tardi!

Come nascono i pezzi dei The Bloodstrings?

Manni: Sono Born Sicks! Hahaaaa! (https://www.youtube.com/watch?v=9kJpw1dh1XY n.d.r.)
Patrick: Adesso seriamente. Il più delle volte uno di noi arriva con un’idea. Ad esempio alcuni accordi, un riff, alcuni testi ecc. E poi iniziamo a lavorare su queste idee durante le prove finché tutti sono soddisfatti del risultato e ci sentiamo bene nell’esecuzione della canzone. Siamo nati per esibirci

Avete partecipato a Punk Rock against gender violence e, in questo EP, per la prima volta, un argomento politico viene affrontato in una canzone di Bloodstrings, parlateci di “German Angst”

Manni: “German Angst” è la nostra prima canzone apertamente politica. Ho sempre avuto l’impressione che quando si parla di sottogeneri punk che finiscono con -billy, la scena manchi di canzoni politiche sorprendenti, quindi sono davvero contento di averlo fatto. Dal momento che tutti e quattro abbiamo iniziato il nostro amore per la musica come piccoli ribelli punkrock-vegetables, in qualche modo mi chiedo perché non abbiamo scritto una canzone come questa prima.
Patrick: Ho sempre pensato che quando si va a un concerto punk l’opinione politica è quasi simile alla nostra. Ma penso che sia sempre più necessario mostrare alle persone dove ti trovi o cosa rappresenti come band. German Angst descrive come pensano molte persone. Hanno paura di qualcosa che non sanno nemmeno e non possono davvero spiegare perché. Non si preoccupano delle cose fintanto che non hanno luogo nel loro ambiente personale. Forse canzoni come German Angst fanno riflettere le persone su cose a cui non hanno mai pensato e nel migliore dei casi tu aiuti a cambiare qualcosa.

Il punkabilly più cupo dei precedenti album lascia posto a sonorità più popo punk.. è corretto? Se si perchè questo cambio?

Manni: Non è assolutamente nulla di quello che avevamo programmato, è successo e basta.
Patrick: Come ho detto, abbiamo iniziato ad amare la musica quando avevamo circa 14 anni e il punkrock (non solo pop-punk) è stato il nostro “primo amore”. Quindi in qualche modo ricadiamo sempre in queste canzoni / sentimenti e immagino che chiunque ami il punkrock possa riconoscerlo. Quindi negli anni ci siamo evoluti in un suono più brillante e punk.

Le sonorità sono molto differenti tra i pezzi.. a quali band vi ispirate?

Manni: Generalmente siamo ispirati da un sacco di musica. Ovviamente amiamo band “vecchi eroi” come Rancid, NOFX, Bouncing Souls, Black Flag, Distillers, Mad Sin e cose del genere, ma le ispirazioni variano da membro a membro. Quando siamo in tour, gli altoparlanti del furgone soffiano di tutto tra Black / Death / Thrash Metal, Jazz, 80’s Wave, Soul, Early Hardcore Punk, Psychobilly, Ska, Rock’n’roll, Folk, gruppi punk tedeschi, cantanti come Frank Turner, le band con cui partecipano al tour, rock classico degli anni ’70, Garage, Eurodance e musica schlager tedesca. E siamo un po ‘ispirati da tutto questo, ma ci mettiamo il nostro suono.
Patrick: Hai dimenticato l’hip hop!

Cosa vi manca di più dei live?

Manni: Entrare in contatto con persone da tutto il mondo e parlare con loro di stupide stronzate da ubriachi.
Patrick: Sì, in tutti i sensi! … incontrare altre band, ascoltare la loro musica e vedere posti in cui non andresti mai in una vacanza normale e, naturalmente, per provare birre locali da tutto il mondo!

Nick mi ha promesso che verrete a suonare in Italia appena possibile… nel frattempo diteci qual’è stato il vostro miglior concerto e perchè?

Manni: È difficile ridure la risposta ad un singolo spettacolo migliore, ma il nostro spettacolo al Wacken 2018 è molto considerevole. Almeno immaginiamo che sia stato il più grande pubblico con cui abbiamo mai suonato ed è stato fantastico.
Patrick: D’altra parte ci sono come un migliaio di spettacoli in piccoli locali sotterranei bui, umidi e ammuffiti in cui amiamo davvero suonare, specialmente quando il posto è piccolo e pieno di gente…. Forse lo spettacolo in Italia sarà il miglior concerto 😉

Spazio libero…

Manni: Torneremo il più velocemente possibile!
Rimanete in salute, non lasciate che i bastardi vi macinino e continua sempre a sorridere (o fare boxe) in faccia alle persone che ti odiano!
Patrick: Non dimenticare di guardare in alto nel cielo ogni tanto, ti ricorda quanto è piccola la tua esistenza! (Giuro di non averlo rubato!)
Spero di vedervi a uno spettacolo un giorno!

2 comments
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Rimani aggiornato con tutte le news direttamente nella tua inbox!

Iscriviti alla newsletter, inserisci la tua email:

Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03) NO SPAM! Potrai disiscriverti in qualisasi momento.

Previous Article

STIGMATHE: In arrivo nuovo album

Next Article

ACTION/ADVENTURE- Pulling Focus EP

Potrebbe interessarti..
I prossimi concerti
Total
12
Share

Cosa aspetti?

Rimani aggiornato con tutte le news di Punkadeka.it direttamente nella tua inbox!

Inserisci la tua email


Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03)
NO SPAM!
Potrai disiscriverti in qualisasi momento.