THE JULIET MASSACRE: Human Abuse

La calma prima della tempesta. Guardando lo stupendo artwork di “Human Abuse” pare di essere dinnanzi a una società ormai prossima alla fine. Bene, una volta fatto partire il player questa convinzione diventa ben presto realtà: se finora grazie al debut “Pray For An Afterlife” nutrivo un gran rispetto per i Juliet Massacre, ora potrei dire di amarli alla follia.

La loro è pura forza della natura, una ferocia che ha accomunato sei musicisti che una volta uniti danno sempre vita a quello che è un massacro sonoro. Loro amano definirsi death/slam/core ed effettivamente mi pare la soluzione migliore per affrontare la loro proposta, che accomuna come profilo diverse compagini: la lucidità tecnica dei Job For A Cowboy, la foga distruttrice dei Black Dahlia Murder e il lato più “easy/tamarro” dei Despised Icon.

Un tris di nomi che non deve però far pensare ai Juliet Massacre come l’ennesima band copia e incolla, tutt’altro. Qui c’è tanta farina del loro sacco e moltissimi imput interessanti che porteranno ad autentiche devastazioni durante i loro show. Se siete alla ricerca di un album feroce e al tempo stesso ricco di sana ignoranza, non potete farvi scappare questo “Human Abuse”. Solo per palati sopraffini!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Potrebbero interessarti anche ...