Punkadeka 20 anni di DIY ...il libro

La Top 10 2010-2019 di Davide Tamburlini

Best of the Scene

Non è mai facile fare una classifica, specialmente con un lasso temporale cosi ampio. Di seguito troverete i dischi che mi sono rimasti piu’ nel cuore e nel fido Ipod. Riguardando a ritroso questo decennio la cosa piu’ curiosa forse è l’assenza delle band cosiddette “storiche” poichè nessuna è riuscita a piazzare un disco nella mia top 10. Altresi tante nuove band si sono formate portando nuova linfa ad una scena che fa un pò fatica a rigenererarsi e questo ci dà speranza per i prossimi dieci anni.

10 – The All Brights – Are wild for the night! (2015)

I The All Brights sono una superband che vede tra i suoi membri Dave Hause (Loved Ones) e Sean Sellers (Good Riddance/ Authority Zero), indubbiamente tra i miei artisti preferiti della scena. L’Ep uscito su Red Scare, se fosse stato un album intero avrebbe meritato sicuramente il podio, purtroppo visti i tanti impegni delle loro band hanno all’attivo solo due EP. Per tutti coloro che sperano ancora in una reunion dei The Loved Ones!

 

9 – Matt Skiba and the Sekrets – Babylon (2012)

Questo decennio è stato molto intento per il buon Matt: 3 album con gli Alkaline Trio, 2 con i Blink 182 e due da solista. In questo primo album con i The Sekrets troverete tutte le melodie che vi hanno fatto innamorare degli Alkaline Trio con una freschezza che sembrava persa dal buon Matt.

8 – Nothington – Borrowed time (2011)

Mi ricordo quando mi arrivò il disco di questa band sconosciuta formata da membri di Tsunami Bomb. Mi aspettavo qualcosa simile alla band di Agent M e invece mi trovai di fronte ad un punk rock grezzo e genuino come non se ne sentiva da un pò: amore a primo ascolto. Purtroppo la band non è mai riuscita a “sfondare” rimanendo sempre di nicchia fino al recente scioglimento. Gran peccato!

7 – Royal Republic – We are the royal (2010)

Cosa c’entrano I Royal Republic nella lista dei migliori dischi punk dell’ultimo decennio? Semplice, sono fottutamente punk questi svedesi! Nati sulla scia degli Hives, questi ragazzi hanno sfornato uno dei dischi piu grezzi e punk rock del decennio. La polemica sul fatto che non siano della scena la lascio ad altri, questo disco spacca di brutto!

6 – Paddy and the Rats – Riot City laws (2017)

Sono venuto a conoscenza di questa band leggendo una intervista del Deka ai Peter Punk (band che farei fatica ad inserire in una top 1000 delle mie band preferite). Eppure per qualche strano motivo ho dato credito alle loro parole e ho scoperto una band incredibile. I Paddy and the Rats vengono dall’Ungheria ma ci propongono un celtic punk con continui sing along e  venature pop / punk che dal vivo è una bomba!

5 – Authority Zero – The tipping point (2013)

Considero francamente gli Authority Zero la band piu’ sottovalutata della scena punk. Attivi da piu’ di venti anni non riescono a spiccare il salto seppur continuino a macinare dischi fenomenali, forse una delle band piu ispirate ancora attive nell’ambito melodic hc. In classifica ci sarebbero potuti essere tutti e 4 gli album incisi in questo decennio ma dovendo scegliere sicuramente “The tipping point” è quello che piu mi è nel cuore.

 

4 – Talco – Gran galà (2012)

Ai piedi del podio, l’unico rappresentante del bel paese della mia top 10: Talco. In questi dieci anni i ragazzi di Marghera sono cresciuti tantissimo diventando una delle band piu importanti della scena ska punk Europea. Scelgo “Gran galà” perchè trovo che seppur non il piu bello è quello della maturità, una piccola perla nel genere che gli ha permesso di fare il salto di qualità. Attendo con ansia la loro nuova fatica discografica prevista per il 2020!

3 – Broadway Calls – Comfort/ Distraction (2013)

Sul gradino piu basso del podio salgono gli americani Broadway Calls. In carriera hanno inciso solo 3 album, tutti di eccellente fattura. Se questi ragazzi dell’Oregon avessero iniziato a suonare 10 anni prima quando il loro pop punk era in auge sarebbero diventati una band di culto. Ho avuto la fortuna di vederli in una data romana davanti ad una decina di persone: se ne sono fottuti di tutto e tutti e fatto uno show incredibile. Presto in Europa ma purtroppo non in Italia, speriamo escano presto con un nuovo album!

2 – Venerea – Last call for adderall (2016)

La Medaglia d’argento per gli svedesi Venerea con “Last call for addiction”. Probabilmente il miglior disco di hardcore melodico degli ultimi dieci anni, 14 traccie pien,e potenti e dirette come un pugno nello stomaco. Sulla scena da oltre venti anni i ragazzi purtroppo non sono mai riusciti ad ottenere il successo che meriterrebro ma fortunatamente continuano a regalarci show potentissimi e dischi fenomenali. Un must-have per il genere!

1 – Good Knives – Good knives (2010)

Era il 2010 quando mi trovavo a Budapest per vedere gli americani Born To Lose e prima di loro suonava questa band sconosciuta con membri di “Love equals death” chiamata Good Knives. Salgono sul palco e WOW! I ragazzi attingono a piene mani dal suono dei primi AFI (per intenderci quelli di The Art of Drowning e Black Sails in Sunset) e propongono un sound dove melodia e potenzia si fondono al confine tra punk e hardcore. Purtroppo la loro carriera dura poco ma ci regalano quello che per me è senza ombra di dubbio il miglior disco punk del decennio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Potrebbero interessarti anche ...