La Top 10 del DaniEl

Best of the Scene

Dieci dischi per dieci anni. Band vetuste che non mollano un colpo, gruppi giovani che non perdono tempo a far gavetta sfornando produzioni di livello. In questi dieci anni mi sono fatto abbagliare anche da altri genere musicali, con la conseguenza che alcune uscite Punk le ho sicuramente perse per strada.
Comunque, questi 10 album non saranno sicuramente i migliori in assoluto, ma lo sono per me, quelli che mi han lasciato qualcosa, quelli in cui rifugiarsi quando non so cosa ascoltare.
Eccoli, direttamente dalla mia pila:

10  Andead – IV the Underdogs (2017)
Un pugno dritto in faccia, sincero ed onesto. Puro Punk-Rock che merita di essere suonato a palla. E poi: band italiana.


9  Social Distorsion – Hard Times and Nursery Rhymes (2011)
Chiamatelo punk-rock o punk’n’roll, rock’n’roll o come cavolo vi pare, tanto quest’album non passerà alla storia, ma Mike Ness ha un posto di diritto nella mia personale classifica. Grande vecchio rocker, continuerai ad essere un faro!

8  Rancid – Honor Is All We Know (2014)
Quando chiedi ai Rancid, di fare i Rancid un po’ meno cattivi rispetto alle decadi precedenti questo non può che essere il risultato.

7  NoFX – First Ditch Effort (2016)
Ok, nulla di eclatante in quest’album, se non il fatto di mettere a nudo alcuni problemi personali della band e l’invito a brindare a Tony Sly. Però un loro disco nella mia top 10 è doveroso. Grazie NoFX.

6  Drunktank – Return of the Infamous Four (2019)
Gli Iron Maiden dello skate-punk sfornano un album pressochè perfetto: composizione, suoni, mix, master ed anche la grafica.

5  Agnostic Front – My Life My Way (2011)
Anche se sono un patito del NYHC, non ho mai amato la voce di Roger Miret, finchè da sbronzo (si poteva dire??) ho ascoltato quest’album e boom!!! Ho (ri)scoperto gli Agnostic Front per quello che sono: i padrini dell’hardcore New York.

4  Tagada Jones – La peste et le cholèra (2017)
Conosciuti grazie ad una dj di una web radio canadese. HardcorePunk potente ben fatto senza tanti fronzoli e in lingua francese. Una piacevole sorpresa.

3  Madball – Empire (2010)
Un martello pneumatico per iniziare la giornata con la grinta giusta, o concluderla con un violentissimo pogo.

2  Millencolin – True Brew (2015)
Quest’album per me è puro sentimento; potrei non dire nulla o scriverci un libro (senza vie di mezzo). Scelgo la prima.


1  Sick Of It All – The Last Act of Defiance (2014)
Incazzato, potente ed energico, un calcio in bocca ben assestato. L’hardcore che conosciamo e che vogliamo. Per me un quasi capolavoro per le leggende viventi dell’ HC.

3 comments
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Previous Article

SEMPRE PEGGIO al MobSound Studio per il nuovo disco

Next Article

PICK IT UP! SKA IN THE 90's: documentario sullo Ska

Potrebbe interessarti..
Total
17
Share

Cosa aspetti?

Rimani aggiornato con tutte le news di Punkadeka.it direttamente nella tua inbox!



Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03)
NO SPAM!
Potrai disiscriverti in qualisasi momento.