Punkadeka festival

Lion’s Law + Banda del Rione al New Ideal (Magenta, 01/02/19)

L’alone di sfiga che avvolge ultimamente il New Ideal non ha eguali, oltre alle faide interne che grazie al cielo sembrano superate, ma che di sicuro hanno fatto traballare e non poco i gestori, e qualche serata non del tutto al top per quanto riguarda l’affluenza (solo quella, perché come ho scritto in precedenza le emozioni non sono mancate, ma quelle non pagano le bollette), ci si mette pure il maltempo, che nella giornata antecedente l’evento ha buttato giù qualche spruzzata di neve, ma non avendo in realtà destato particolari preoccupazioni si è poi ripetuto in maniera più vigorosa giusto 1 ora prima dell’apertura, imbiancando le strade milanesi e scoraggiando i kidz della zona, inoltre ha bloccato la partenza degli Uguaglianza, band che non ho mai visto e che non vedrò manco stasera, neve di merda…
Come detto la serata parte male, all’altezza di Abbiategrasso la neve inizia a rompere i coglioni, nulla di particolarmente preoccupante, ma bisogna comunque andare piano, e quando arrivo al New Ideal l’atmosfera non è delle migliori, vengo a sapere appunto che gli Uguaglianza non suoneranno, però c’è già qualcuno presente addirittura dalla Sardegna, arriverà poi gente da Torino, Albe da Bergamo, addirittura il grandissimo WU-TANG Claudio, alla spicciolata anche qualche milanese, quindi la fauna non è affatto male e mi metto ad aspettare che inizino i Lion’s Law con un’ ottima IPA.
I parigini me li ricordavo trascinanti, potenti, skinheads, e così sono rimasti, sono in tour per presentare il nuovo EP “Zonard”, composto da 3 pezzi interamente cantato in francese, e dite quel cazzo che volete ma per me rendono il doppio, speriamo continuino così. Sotto al palco ci si spinge un po e gli skin presenti sono bellissimi, i Lion’s Law ringraziano con un live sopra le righe e si confermano tra i migliori gruppo OI! d’Europa.
Tocca alla Banda del Rione, per una serie di sfighe è la primissima volta che li vedo, e mi bastano 2 accordi per capire che nell’anima sono ancora la stessa banda che si è fatta amare quasi 20 anni fa. La grinta ed il cuore fanno uscire le vene sul collo di tutti i presenti, che conoscono tutti i pezzi a menadito come il sottoscritto…”lotta”, “banda del rione”, “quale destino per noi”, “gronda il sangue”, “lei” e la conclusiva “eterno amore” quasi da lacrime. Insomma a mio avviso serata partita zoppa ma che poi è andata oltre le aspettative, con due gruppi pazzeschi e tanta gente che ha ancora voglia di urlare OI!
Ringrazio come sempre Motoricity produzioni, Out Of Control che tiene viva la provincia sud-ovest di Milano ed il New Ideal che, a spallate, sta cercando di uscire dalle secche, e ce la farete ragazzi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Potrebbero interessarti anche ...