PAY: CANZONI PER GENTE CHE NON SI FA PIU

Tornano con un EP lungo (o un album corto) i varesotti Pay, dopo un periodo di silenzio di qualche anno, dopo l’uscita del loro cd+dvd “Virus” (recensito qui).
I Pay han sempre fatto le cose in maniera un po’ strana, poco standard…quindi dopo la rock opera (“Federico Tre e il destino infausto” a mio avviso uno degli album migliori usciti in Italia nel decennio precedente), dopo il cd digipack che mischiava musica e pittura (“La ragazza col coltello“), dopo il cd + dvd (“Virus“), ecco…il cd spezzato! A me è arrivato un cd rotto esattamente a metà, che pensavo fosero stati quelli delle poste, e in una piccola busta un cd intero. Il cd intero è quello che funziona, che si può ascoltare. Molto bene, cosa ci si può sentire sopra? 7 pezzi punkrock nello stile classico dei Pay con in mezzo del pop, del rock e del rock’n’roll tutto mischiato insieme…ovviamente mantenendo il pedale sull’acceleratore quasi sempre.
Si parte alla grande con “Sono stato io” di cui abbiamo anticipato il video, semplice, 3 accordi e una melodia stronzissima tipo i pezzi vecchi (ma quelli belli), il premio per il Testo Migliore lo vince “La sindrome dell’arto fantasma“, che non si direbbe ma è una canzone d’amore…”Come stai?” echeggia i conterranei Pornoriviste dei bei tempi andati, nel senso che NESSUNO della vecchia scena punk anni ’90/’00 saprebbe mai scrivere un pezzo così vecchio e così fresco allo stesso tempo; “Tossici nostalgici” ricorda un po’ il pezzo conclusivo di “Federico Tre”: “Portami a casa“, quindi anche se non è originalissima, è un capolavoro.
Chiude tutto una cover di “Where is my mind” dei Pixies che francamene bah.
Scrivete alla band per recuperare sto cd, andate a vederla dal vivo e insomma, fate tutte quelle cose che ormai non fate piu perchè siete diventati dei vecchi, avete la barba e ai concerti non vi divertite piu. A differenza dei Pay.

Potrebbe interessarti..

The Vibrators a Caramgna Piemonte (Spazio Polivalente, 21/01/17)

Rieccoci...LAST ONE TO DIE ricomincia col botto: THE VIBRATORS: il nome per eccellenza del punk ... Read more

Continua a leggere...

LOS FASTIDIOS: The Sound Of Revolution

Mi piace, cazzo se mi piace! Potrei finirla già qui perché ho già detto tutto, ... Read more

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Previous Article

Punk Rock Raduno: confermati i SEMPREFRESKI e NIKKI CORVETTE AND THE ROMEOS

Next Article

NOFX: First Ditch Effort

Potrebbe interessarti..
Total
2
Share

Cosa aspetti?

Rimani aggiornato con tutte le news di Punkadeka.it direttamente nella tua inbox!



Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03)
NO SPAM!
Potrai disiscriverti in qualisasi momento.