Quattro chiacchiere con gli Ashpipe

ashpi11peCiao Ragazzi!
M:Siete appena ripartiti con il tour per la promozione del nuovo disco Ancorati, la prima tappa a Pavia com’è andata?

A:Direi benone! Era da Novembre che non suonavamo in elettrico per preparare il nuovo disco ma direi che abbiamo spaccato e sotto di noi è partito un gran bel bordello quindi di meglio non potevamo chiedere. Spazio Musica ha risposto presente!

M:Personalmente il disco mi piace, anche di più di Born Bad, cosa vi aspettate come risposta dai kidz?

A:Non ci aspettiamo nulla in particolare. Sentivamo una normale esigenza di buttare fuori del nuovo materiale e credo che il risultato sia una perfetta evoluzione del sentiero che abbiamo preso con “Born Bad” e con l’EP “Too much focused..” uscito appena dopo. Il sound è maturato, i testi sono maturati, noi siamo un po’ più grandicelli e chi ci segue fin dal primo album “Waiting for wave” apprezzerà sicuramente. Per chi invece non ci conosce direi che “Ancorati” è proprio il disco giusto per iniziare a farlo!

M:Come ci si sente a salpare dalla provincia e sbarcare (tanto per restare in tema) sui palchi di mezza Europa con notevole successo?

A:E’ una bellissima emozione soprattutto per me e l’altra metà del gruppo che vive in piccoli paeselli di provincia. Essere catapultati in grosse città come Berlino, Amburgo, Monaco di Baviera è una doppia soddisfazione e ci ripaga dei tanti sforzi. Calcare determinati palchi è una gran boccata di ossigeno che poi riportiamo a casa per continuare a “coltivare” la nostra terra poco fertile verso la musica underground in generale.

M:Cantate i vostri pezzi in italiano, inglese e francese…e ora addirittura un pezzo in latino? Da dove è nata l’idea?

A:L’idea è nata in saletta in una delle nostre tante sessioni “fumose” immaginando un Nerone festaiolo e distratto. E’ poi rimasta in sospeso per un po’, diciamo nel dimenticatoio per poi essere ripresa dal nostro Annandi che sapientemente l’ha trasformata in musica e parole.

M:I vostri testi riguardano per la maggior parte tematiche sociali delicate, partigiani, antifascismo, quali sono i gruppi che più vi hanno ispirato nei testi e nei suoni in questi anni?

A:Tanti gruppi e generi abbiamo ascoltato negli anni e la maggiore influenza arriva dalla musica anni ’90 in generale, quella che ci ha cresciuti, quella che ha segnato la nostra adolescenza. Parlare di certe tematiche è stato necessario perché di stare in un partito non ne avevamo voglia, di spegnere il cervello e ignorare la politica nemmeno, di dire con un microfono quelle che pensiamo utilizzando la musica come strumento di comunicazione quello sì perché rappresenta la nostra giusta dimensione e ci sentiamo a nostro agio nel farlo.

M:Zubo e Camo cantate in coppia da quasi 10 anni, a parte che live (e anche in studio) ha una notevole resa, come mai questa particolarità?

A:Questa particolarità nasce tra i banchi di scuola. Io e Zubo eravamo compagni di classe e di banco e negli anni abbiamo sviluppato una certa intesa nel copiare le verifiche che ci ha permesso ora di condividere testi,palco e microfono!

M:Siete in strada da ormai 15 anni, come vi sentite?

A:Ci sentiamo come una goccia d’acqua in mezzo ad un oceano perché a mio avviso il cammino è ancora lungo, la strada da fare è ancora tanta e bisogna non mollare per rappresentare, assieme a tutte le bands che suonano musica indipendente, un’alternativa ad una standardizzazione culturale che sta togliendo la curiosità nello scoprire cose nuove, di pensare con la propria testa e di crearsi una propria visione critica lontana dall’influenza delle multinazionali e della globalizzazione.

M:E qual’è il ricordo più bello che avete ben nitido nella testa dopo tutto questo tempo?

A:Il ricordo più bello è stata la prima volta che abbiamo suonato all’SO36 di Berlino in apertura ai Talco. Essere già a Berlino era una vittoria, calcare quel palco con la sala sold out è stato magico, farlo davanti a pochi amici intimi arrivati direttamente dall’Italia per essere testimoni di quel momento ancora più bello.

M:Il primo album si intitolava Waiting for Wave, ora questo Ancorati, in Born Bad si parla anche di pirati, un caso?

A:No, non credo sia un caso. Per noi che abitiamo in collina il mare lo possiamo solo immaginare ed è sempre stato sinonimo di vacanza, ferie, evasione e libertà. E’ chiaro quindi che durante l’anno ci pensi a queste cose e i pirati sono un’ottima metafora di come, almeno per noi, la vita dovrebbe essere vissuta.

M:Tornando agli album, Waiting for Wave…ora l’onda è arrivata ed è pure bella alta, dove vi porterà?

A:Spero il più lontano possibile, magari in un altro continente come l’Asia o il Sud America. Staremo a vedere!!

M:Grazie da parte mia e di Punkadeka per averci regalato un po del vostro tempo

A:Grazie a voi per lo spazio e per il supporto. Ci vediamo in giro.

“ANCORATI TOUR 2015”

26.03 Pavia / Spazio Musica – Release party
19.04. Oramala(Varzi)(I) / acoustic show
24.04 Circolo InSvolta (I) / Rozzano (MI)
26.04 Viguzzolo (AL)(I) / acoustic show

07.05 Minden (D) / Papagei am beat
08.05 Herford (D) / Fla Fla
09.05 Hamburg (D) / Hafengeburtstag Jolly Roger
22.05 Milano (I)/ Barrio’s
23.05 Romagnese(I) / Phi ghi bar – acoustic show

12.06 Berlin (D) / Sherer8
13.06 Schwabisch Gmund (D) / Stadfest – open air
19.06 Cassano d’Adda (MI) / Festa dei Popoli w/Crancy Crooks
26.06 Martinengo (BG)(I) / Rock in riot w / Omini Verdi
11.07 Munich (D) / TBA
01.08 Romagnese (PV) / Festa della Birra
04.09 Torre degli Alberi (PV)(I) / Rock the tower
30.09 Mad Butcher Tour / TBA
01.10 Mad Butcher Tour / TBA
02.10 Mad Butcher Tour / TBA
03.10 Mad Butcher Tour / TBA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Rimani aggiornato con tutte le news direttamente nella tua inbox!

Iscriviti alla newsletter, inserisci la tua email:

Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03) NO SPAM! Potrai disiscriverti in qualisasi momento.

Previous Article

FULL TENSION FESTIVAL: Vinci i biglietti!

Next Article

THE WESTERN FRONT: Da oggi in mostra a Milano

Potrebbe interessarti..
Total
15
Share

Cosa aspetti?

Rimani aggiornato con tutte le news di Punkadeka.it direttamente nella tua inbox!

Inserisci la tua email


Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03)
NO SPAM!
Potrai disiscriverti in qualisasi momento.