Punkadeka.it Survive 2021

“Senza amor non vale nulla” #4 di Sergio Milani KINA

I gusti personali influenzano il giudizio che puoi dare sulle cose che ascolti, per cui è inutile far recensire un disco musica popolare ad un appassionato di metal e viceversa. Vabbè, io non sono un appassionato di metal e neppure di hard-core generico e pure certa musica popolare alla lunga mi innervosisce.

Nel corso degli ultimi anni, forse perché sono andato in overdose di ascolti, forse perché il punk-hc aveva perso la sua vitalità riproponendo roppo spesso cliché triti e ritriti, mi sono ritrovato a non sopportare per più di pochi secondi tante cose nuove proposte.

Sarà perché sono un maledetto romanticone, a me piace ascoltare canzoni che per quanto dure, ti sanno prendere per mano perché è come se parlassero anche di te e ti lasciano la voglia di ascoltare quella successiva. Insomma, amo quei dischi che, una volta messi su, … “Toh, senti che bel passaggio, e poi qui c’è una cosa diversa, hey, ma anche questo è una bomba”,   insomma, ti lasciano belle sensazioni e appena finiscono te li riascolti dall’inizio.

Siccome però una recensione non si può fare solo col cuore, bisogna riconoscere che i Sud Disorder non sono nel circuito da ieri e con la loro costante presenza hanno contribuito a creare una scena che è cresciuta raggiungendo livelli eccellenti (e non sto parlando solo di quella pugliese … che pure vanta una storia speciale). Bene, in questi anni hanno imparato e perfezionato la lezione assimilando le cose migliori uscite dal punk-hc, innanzitutto la qualità: un hardcore di pregio, suonato bene, interpretato con sentimento e originalità; duro ma melodico (e senza sconfinamenti nel metal).

Mi piace da morire sentire la loro rabbia, la loro poesia e mi piacciono i loro suoni. Questo disco, pur nella sua modernità sa riportarmi le stesse sensazioni e atmosfere di un periodo d’oro, quando ascoltavo i primi Dag Nasty e Samiam. Insomma. I Sud Disorder fanno parte di quella schiera di bands che hanno ancora qualcosa da dire sia a livello musicale che per quanto riguarda i testi. Ti smuovono qualcosa dentro l’anima, si, perché senza amor non vale nulla! e questo loro ultimo lavoro è un disco moderno che sicuramente farà storia.

La mia preferita? Non ve lo dico, però ad un certo punto fa :

In questa notte che sembra infinita

ci son stelle che brillan quaggiù

per questa strada che brucia di vita ….

E comunque ora che sono arrivato alla fine posso confessare che non è facile recensire il disco di amici; perché? ma per non correre il rischio di sembrare ruffiano.  Ammetto di averlo ascoltato con un certo orecchio di riguardo perché ero preoccupato. Credo sia chiaro che l’ascolto è stato tutt’altro che una sofferenza! Quello che resta ancora da dire è Buon ascolto!

Sergio Milani KINA

Sergio Milani  –  https://www.facebook.com/sergio.milani.58/

Ombra  –  https://www.facebook.com/OmbraPunkFolk

Frontiera  –  http://www.frontiera-kina.org/

Kina  –  https://www.facebook.com/kinastorieepensieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Rimani aggiornato con tutte le news direttamente nella tua inbox!

Iscriviti alla newsletter, inserisci la tua email:

Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03) NO SPAM! Potrai disiscriverti in qualisasi momento.

Previous Article

THE OFFSPRING: video "Army of One"

Next Article

Ristampa di DiswacCiuWont dei DUFF in vinile... via al preorder!

A proposito di Senza Amor Non Vale Nulla...
Potrebbe interessarti..
I PROSSIMI CONCERTI
Total
30
Share

Cosa aspetti?

Rimani aggiornato con tutte le news di Punkadeka.it direttamente nella tua inbox!

Inserisci la tua email


Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03)
NO SPAM!
Potrai disiscriverti in qualisasi momento.