THE JUNE: Magic Circles

 

Anche questi THE  JUNE sembrano in pieno sballo ‘indiano’ a giudicare dall’introduttiva Barber shop, carica di sitar e bansuri meditativi.   Ma e’ solo l’inizio: da Rolling desperate in giu’ attraverso Better than you si rivelano un trio mod robusto dal chitarrismo vitale.

Poi in Big black mouth e Sir Eugene Maddox emergono cori brillanti tra duri riffs Jam-style.

Daisy, con mellotron, flute, trumpet e chitarre riverberate li fa cadere in piedi tra densi aromi Oasis.

I tre italiani, che piu’ anglofili non si puo’, continuano ad opporre cantati melodici ed armonici a solide strutture strumentali in Getting high e Living in the park.

E mentre in mente si alternano fantasmi Beatles/Rain e Byrds/Notorius The June affondano i manici-bisturi nella sopraffina psichedelia pop di Sketches of sound, Revolver e Makes me feel good.

Magic Circles e’ un rilucente gioiello a cavallo tra i ’60 ed i ’70: non chiedetevi (mi) come i tre parmensi siano riusciti a raggiungere questo magico equilibrio in poco meno di una mezz’oretta.

Godetevi Magic Circles in un unico afflato elettrico!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Potrebbero interessarti anche ...