VOICE OF A GENERATION: The Final Oddition

I “Voice Of A Generation” sono sicuramente una delle migliori punk band attualmente in circolazione in Europa. Seguo questa band con passione da vari anni e ogni album riesce a regalarmi sempre grandi emozioni. Nei loro anthem si sente tutta la passione e la rabbia che contraddistingueva i progenitori di questa musica che noi adoriamo, chiamata “punk-rock”. Incarnano a mio personale modo di vedere tutto ciò che la parola punk, nel bene e nel male, significa: voglia di riscatto, energia, passione, rabbia, sentimento e chi più ne ha più ne metta.

A distanza di circa di 25 anni, data in cui molto accademicamente molti critici fanno risalire il punk, i Voice Of A Generation propongono un sound aggressivo e tagliente e il loro album trasuda di “punk” dalla copertina all’ultimo secondo dell’ultima canzone presente in “The Final Oddition”. Il loro sound è a metà strada tra il punk rock clashiano, da cui traggano anche la componente politica, in questo album più accentuata che mai, e lo street punk grezzo e aggressivo dei Sham69 da cui sicuramente riprendono la voglia di unità di intenti nella scena punk sempre più frammentata tra sterili ideologismi e alla mercè di squali manager che di tutto si interessano meno che della vera filosofia che anima la nostra musica.

“The Final Oddition” probabilmente è il loro album della maturità, dopo splendidi full-length come “Obligations to the odd” e “Hollywodd Rebels”, giungono a questo nuovo album in cui coniugano il punk con l’anima street e hardcore. Fondono questi genere con grande disinvoltura e evitano la ripetitività, forse unica pecca dei loro album precedenti. Le tematiche affrontate in questo album sono purtroppo quelle con cui ci troviamo a convivere ogni giorno della nostra vita e quelle con cui ci scontriamo inermi di fronte al tubo catodico ogni che ci propone guerre, ingiustizie e violenze di ogni genere sotto il nome della pace e della democrazia. “Cause for alarm”, “Democracy” e “Justice sono emblematiche per quanto riguarda questo discorso e grazie anche ad anthem che ti si “sparano” in testa come proiettili ti ricordano che la nostra voglia di lottare non si è fermata sicuramente a Genova con quello sparo maledetto che ha visto un nostro fratello cadere sul campo per colpa di una “democratica” mano assassina ma che è solo l’inizio per un movimento che vede negli ideali di pace e giustizia il futuro dell’umanità!

Come dico sempre, un tempo gli Sham 69 dicevano “If the kids are united…” ora i Voice of a generation ci ricordano (e ce ne è molto bisogno di questi tempi che) :
“Voice of a generation
separates the truth from lies
if you’re not united
you will fall and die”

Voto : 8+ (Punk Rock will never die)

Track List:

1. Cause for alarm2. Itching fingers3. Decadent & confident4. Democracy is dead5. Bastard6. The upbringing7. Casualties of war8. Verbal abuse9. Baseballbat10. Crap recieved11. 450 days12. Justice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Previous Article

Lavori in corso

Next Article

Collabora con Punkadeka.it

Potrebbe interessarti..

Cosa aspetti?

Rimani aggiornato con tutte le news di Punkadeka.it direttamente nella tua inbox!



Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03)
NO SPAM!
Potrai disiscriverti in qualisasi momento.