PHYSIQUE DU ROLE

Physique du Role, ovvero ennesima conferma di quanto postcore stia bollendo in pentola nella capitale… E questa band vale ragazzi miei, senza troppi fronzoli ma con professionalità il trio romano tira fuori pezzi autentici, dai suoni potenti, dalle liriche malinconiche (rigorosamente in italiano), dalle armonizzazioni spesso dissonanti alla ricerca del non-scontato. La chitarra è così sempre impegnata nel fornire slancio alla ritmica e poi atmosfere sospese tra incertezza e angoscia e quindi ancora dinamismo con suoni nu-metal spesso e volentieri effettati. Particolarmente riuscite sono la opentrack PHz, ma anche Vinavile o Siamesi (8-88). E arrivando all’ottava traccia scopriamo poi, con un certo stupore, la cover di “Enjoy The Silence” dei Depeche Mode. Il progetto ha ancora un lieve margine per crescere ulteriormente puntando su una maggior eterogeneità complessiva, ma quello che c’è già è a un livello davvero avanzato. Da sentire. I titoli: PHZ – Vinavile – Siamesi (8-88) – L’Orrendo Bambino Pinguino – Effetto Placebo – Per Una Civile Protesta – Lago D’Odio Liquido – Enjoy The Silence.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Potrebbero interessarti anche ...