THE COPYRIGHTS: Live in Italy 2019

THE COPYRIGHTS: Live in Italy 2019

Come se l’astinenza da concerti non fosse abbastanza, decido di farmi male e di far girare sul piatto questo “Live In Italy 2019” dei Copyrights uscito lo scorso Aprile come autoproduzione della punk rock band dell’Illinois (la distribuzione è stata affidata alla Stardumb Records per l’Europa e alla Anxious and Angry di Ryan Young degli Off With Their Heads per gli States).L’album non è altro che il bellissimo concerto che i Copyrights tennero sul palco del Punk Rock Raduno nel Luglio del 2019: ricordo tutto di quella serata, l’attesa di gustarmi uno dei miei gruppi preferiti su quel palco lì, la magica atmosfera che solo il Punk Rock Raduno regala e le botte sotto al palco con gli amici di sempre.La scaletta fu una bomba: Charlie Birger Time, 57 North, Heart of Glue, Second Hearse Same As The First e ancora Thinking With The Lights On, Keep The Change , quella Welcome Wagon mai suonata live e facente parte dell’omonimo singolo in 45 giri del 2014 splittato con Kepi Ghoulie, e le immancabili Kids of The Black Hole, Planet Earth 1994, Shit’s Fucked e Worn Out Passport.
Fu il concerto perfetto e, avendo ora la possibilità di riascoltarlo e riascoltarlo, aumenta ancora di più la nostalgia per i tempi in cui il virus e la pandemia non esistevano e ci facevano vivere una vita normale, fatta anche e, oserei dire, soprattutto di concerti. L’album, ottimamente registrato dal buon Brown Barcella e impreziosito dall’artwork come al solito impeccabile del labronico Tommaso Eppensteingher, uscì per beneficienza e per aiutare Bergamo e l’Italia intera ad affrontare la pandemia ed è sempre disponibile sia in versione splatterata sul sito della Anxious and Angry (The Copyrights – Anxious and Angry), sia nel classico Lp nero su quello della Stardumb Records (Copyrights – Live in Italy 2019 (LP) – Stardumb Records).Se non lo avete ancora fatto acquistatelo, è per una buona causa e fa sempre bene ascoltare un live, dà la giusta speranza che quei momenti tornino il prima possibile.


Tracklist:
Charlie Birger Time
57 North
Heart of Glue
Telescope
Second Hearse Same As The First
No Knocks
Head Count
Trustees in Modern Chemistry
Crutches
Hard-Wired
Thinking With The Lights On
Welcome Wagon
Keep The Change
She Turns It Up
Sleepwalker
Kids of The Black Hole
Planet Earth 1994
Shit’s Fucked
Worn Out Passport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Previous Article
STILL NO ONE: il 1° gennaio fuori il video di "Fuck You And Goodbye"

STILL NO ONE: il 1° gennaio fuori il video di "Fuck You And Goodbye"

Next Article
NABAT: disponibile da gennaio tutta la discografia in digitale

NABAT: disponibile da gennaio tutta la discografia in digitale



Potrebbe interessarti..
LEGGI TUTTO

NOTIMETOLOSE: Alone

Una nota di scusa per queste due band dell’hinterland milanese, che si vedono recensite le proprie fatiche a…
LEGGI TUTTO

DOWNPETERSONS: Rachel

Donwpetersons sono il tipico gruppo che fa punk veloce e diretto, senza scervellarsi tentando di comporre qualcosa di…
Total
3
Share

Cosa aspetti?

Rimani aggiornato con tutte le news di Punkadeka.it direttamente nella tua inbox!

Inserisci la tua email


Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03)
NO SPAM!
Potrai disiscriverti in qualisasi momento.