THE SAINTE CATHERINES : Dancing for Decadence

Seconda new entry in casa Fat Wreck in questo 2006 che si sta rivelando molto proficuo e qualitativamente superiore (in tutto l’ambito punk intendo) rispetto ai 12 mesi passati. Loro si chiamano “The Sainte Catherines” e provengono da Montreal. Questo non è il loro primo full-lenght poiché nel loro curriculum hanno già 2 album, 1 Ep, 2 sette pollici e ben 450 concerti alle spalle. Di strada ne hanno fatta e il risultato è questo ottimo “Dancing for decadence”.

 I “The Sainte Catherines” propongono un punk rock grezzo e aggressivo in cui riecheggia la rabbia e lo stile stradaiolo dei bei tempi passati uniti ad un’ottima tecnica compositiva e che sconfina molte volte nell’hard-rock e nel hardcore più genuino. Alcune sonorità potrebbero molto assomigliare, anzi per certi versi lo sono, allo stile dei Thrice e di tutta quella scena nata negli ultimi anni sebbene se ne distanzino notevolmente poiché non ricadono nel mero manierismo. 

 Di questa band mi piace soprattutto come il loro album sia nato e stato concepito come un album dal forte impatto live. Molte volte si sentono dischi in cui vi è una stressante ricerca della melodia a tutti i costi o cosa ancora peggior la ricerca della radiofonia. In questo album tutto questo non vi è assolutamente.

 Nella band sono presenti ben 3 chitarre anche se sinceramente l’impatto sonoro non sottolinei questa particolare caratteristica della band.  Graffianti parti vocali si uniscono a riff  laceranti pieni di rabbia. La band dal punto di vista dei testi dimostra un buon talento e pone critiche aperte alla nostra società (“Confession of a revolutionary bourgeouis part III”), al nostro sistema politico (“Get you politics out of my hair”) e al sistema del music biz (“Emo-ti-cons: punk rock experts”) non dimenticandosi mai che non bisogna mai prendersi troppo sul serio (“The shape of drunks to come”).  

Un album che consiglio vivamente a chi ama band come Hot Water Music (incredibilmente sottovalutati in Italia!) o Strike Anywhere. Speriamo che confermino le loro credenziali anche dal vivo. 

Voto: 7 ¾ 

Tracklist:
1: Burn Guelph Burn 2: Ring Of Fire = 4 Points 3: Confession Of A Revolutionary Bourgeois Part 3 4: Get Your Politics Out Of My Hair 5: Hau Weg Die Scheisse 6: Emo-Ti-Cons: Punk Rock Experts 7: The Shape Of Drunks To Come 8: I’d Rather Be Part Of The Dying Bungee Scene 9: Us Against The Music 10: If There’s Black Smoke Over A Bridge, It’s Over 11: International Badminton Championship: La P’Tite Grise vs. Jef 12: Track & Field Style

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Previous Article

Lavori in corso

Next Article

Collabora con Punkadeka.it

Potrebbe interessarti..
Leggi tutto

RIGHT BRIGADE

Disco di esordio per i Right Brigade, band hardcore americana molto aggressiva. Voce gutturale, chitarre sempre distorte e…

Cosa aspetti?

Rimani aggiornato con tutte le news di Punkadeka.it direttamente nella tua inbox!



Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03)
NO SPAM!
Potrai disiscriverti in qualisasi momento.