MQUESTIONMARK: Absolutely Pizza

MQUESTIONMARK: Absolutely Pizza
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
MQUESTIONMARK: Absolutely Pizza

Voglia di uscire dagi schemi, di stupire, di proporre qualcosa di nuovo e mai sentito prima. Sembrano questi i punti fermi degli M QUESTIONMARK, trio piuttosto insolito (due bassi e una batteria) utore di ABSOLUTELY PIZZA.
Voce femminile e maschile alternata, arrangiamenti minimal con innesti di sax e piano suonati dagli ospiti e batterie drittissime che fanno muovere il piedino sono gli ingredienti base del lavoro, che risulta sicuramente interessante.

I suoni di basso, sempre molto effettati, sono curati e ricercati, così come i suoni elettronici che si intrecciano agli strumenti, creando un effetto quasi noise, davvero azzeccato.

 Il lavoro, piacevole all’ascolto e non troppo “difficile” è sostanzialmente diviso in due parti. Le prime cinque songs, da “Strange though it may seem” a “And the winner is”, sono brani ritmati e abbastanza veloci, con atmosfere allegre e sperimentali, caratterizzate dalle sonorità di cui parlavo prima. La seconda parte, formata dal trittico “Brillant”, “Spring second day” e “I don’t remember anymore” invece è molto più classica, con la sola voce femminile di Laura accompagnata da un pianoforte e una batteria che scandisce tempi lenti e tristi, in totale contrasto con i pezzi ascoltati fino ad ora.

Lo stacco ci sta, ma forse è un po’ troppo drastico per un ascoltatore “impreparato”.
 Ultima nota per la copertina, davvero carina ed azzeccata, con grafiche sobrie e semplici, sovrastate da due mostriciattoli futuristici che in qualche modo incarnano lo spirito di rottura di questa band, capace, senza troppi fronzoli, di tirare fuori un ottimo lavoro…


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi:





Aggiungi un’immagine al tuo commento >