Punkadeka.it Contest

GERSON: Generazione in difficoltà

Ci hanno fatto aspettare due anni quasi esatti dopo l’uscita di “Il fondo del barile”, ma ora rieccoli finalmente, i Gerson con il nuovo album “Generazione in difficoltà”.

Sono tornati a darci la rabbia e la carica tipicamente loro che ci mancavano, ma soprattutto sono tornati per riconfermarsi come uno dei gruppi punk rock nostrani più importanti del panorama attuale.

 

Cambio di line-up per questo nuovo lavoro, anche se ormai non è più una novità: il bassista brasiliano Rafael Miranda, dopo circa dieci anni, lascia il gruppo, e passa il testimone a Steven Beach, che prosegue la corsa con Paolo, Steve e Sergio, stando perfettamente al passo, come si può constatare ascoltando l’album. Steven viene subito messo in gioco, cantando “Masticati e risputati” . Voce anche la sua molto cattiva, in perfetta linea con lo stile Gerson, che si riconferma in tutto e per tutto in questo album.

 

Tredici tracce che dal punto di vista musicale non possono in alcun modo aver deluso i fan, energia a quintali, accompagnata da un ritmo potente e coinvolgente, voce graffiante e schitarrate impeccabili. Forse un cambiamento però c’è stato, si può intravedere una sorta di crescita ulteriore rispetto al penultimo disco: i testi infatti dimostrano una maturità nuova e una disillusione profonda che si può leggere in particolar modo nella bellissima “La strada di fango”. I Gerson approfittano della loro musica per esporre una critica totale ed estremamente attuale ad una società che di speranze ne lascia ben poche. E lo fanno senza mezze misure, raccontando di questa ‘generazione in difficoltà’ fin dal primo pezzo: “Il debito scaduto” una vera e propria esplosione punk, rapida e potente.

Uno dietro l’altro si susseguono canzoni come spari, e la band non manca un colpo, altre a brani come “Pessimo oroscopo” o “Via da Milano”, che entrano in testa già dal primo ascolto, ce ne sono altri dalle melodie più morbide come “Mai” e “Sopra al cielo”, quest’ultima a chiudere l’opera con una nota malinconica.

 

Ascoltando uno qualsiasi di questi pezzi è tristemente fin troppo facile immedesimarsi. Il gruppo dà sfogo alle frustrazioni di molti, con testi riflessivi, zero banalità o chiacchiere a vuoto, e ancora una volta non ci delude per niente!

Applausi. Veramente meritatissimi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Rimani aggiornato con tutte le news direttamente nella tua inbox!

Iscriviti alla newsletter, inserisci la tua email:

Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03) NO SPAM! Potrai disiscriverti in qualisasi momento.

Previous Article

IRON CHIC in uscita per BRIDGE NINE

Next Article

Ashpipe: nuovo EP con Kob Records/Mad Butcher

Spotify Playlist
Potrebbe interessarti..
I PROSSIMI CONCERTI
Total
1
Share

Cosa aspetti?

Rimani aggiornato con tutte le news di Punkadeka.it direttamente nella tua inbox!

Inserisci la tua email


Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03)
NO SPAM!
Potrai disiscriverti in qualisasi momento.