CRIME IN STEREO: The troubled stateside

CRIME IN STEREO: The troubled stateside
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
CRIME IN STEREO: The troubled stateside

Se The troubled stateside spacca in partenza con un HC potente alla Comeback Kid , “Bicycles of Afghanistan “(dal testo che esalta le differenze tra i popoli , ognuno con i propri valori) fa largo a sfumature melodiche che si concludono in una sovrapposizione di voci e coretti che lasciano temere un peggio in emocore che in realtà non arriva! La terza traccia infatti fa breccia al punk rock sempre dalle tendenze hardcore mentre i testi così ricchi e ben pensati lasciano apprezzare ogni eclettica canzone . “Abre los ojos” può essere la più monotona mentre “Gravity grace “ la più emotical e apertamente guidata dalla voce di Kristian Hallbert.
è un lavoro marchiato NITRO RECORDS che vuole essere un’autobiografia del punk rock di Long Island pur non lasciandosi sfuggire l’andamento dell’industria musicale: laccature al proprio sound sono state tappe obbligate per entrare nel mercato a testa alta dopo aver seguito il modello dei Silent Majority e Kill your Idols.
Più patinato dunque del precedente del 2004 e assolutamente lontano dal crossover e dalla confusione , forse meno combattivo, ma non seguendo un‘unica linea scaccia facilmente la monotonia . Ad esempio la quasi completamente strumentale e dalla voce appena sussurrata “dark island city “ non centra nulla con la precedente “i stole this for you” realmente hc ; eppure è questo essere disorganici a rendere l’album non banale ma ricercato.

La traccia a mio parere più apprezzabile è la penultima : il riff iniziale ripreso a metà brano e le rullate di batteria ne fanno un lavoro ben definito e compatto. Il tutto si conclude con una richiesta a Dio : “God please save these troubled states” con nuovi attacchi al razzismo e all’intolleranza.

Forse avrei modificato la sequenza dei brani per evitare un troppo distacco con l’inizio lanciatissimo però a parte questo appunto i Crime in stereo sono da tenere d’occhio perché decisamente apprezzabili.

Tracklist:
01. Everything Changes / Nothing Is Ever Truly Lost02. Bicycles For Afghanistan03. The Impending Glory Of American Adulthood04. I’m On The Guestlist Motherfucker05. Sudan06. Abre Los Ojos07. Gravity / Grace08. Slow Math09. I Stole This For You10. Dark Island City11. For Exes12. I, Stateside


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: