THE JUNE: Magic Circles

THE JUNE: Magic Circles
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
LoadingAggiungi ai preferitiAggiungi ai preferiti!Consulta la tua lista degli articoli preferiti        

THE JUNE: Magic Circles

 

Anche questi THE  JUNE sembrano in pieno sballo ‘indiano’ a giudicare dall’introduttiva Barber shop, carica di sitar e bansuri meditativi.   Ma e’ solo l’inizio: da Rolling desperate in giu’ attraverso Better than you si rivelano un trio mod robusto dal chitarrismo vitale.

Poi in Big black mouth e Sir Eugene Maddox emergono cori brillanti tra duri riffs Jam-style.

Daisy, con mellotron, flute, trumpet e chitarre riverberate li fa cadere in piedi tra densi aromi Oasis.

I tre italiani, che piu’ anglofili non si puo’, continuano ad opporre cantati melodici ed armonici a solide strutture strumentali in Getting high e Living in the park.

E mentre in mente si alternano fantasmi Beatles/Rain e Byrds/Notorius The June affondano i manici-bisturi nella sopraffina psichedelia pop di Sketches of sound, Revolver e Makes me feel good.

Magic Circles e’ un rilucente gioiello a cavallo tra i ’60 ed i ’70: non chiedetevi (mi) come i tre parmensi siano riusciti a raggiungere questo magico equilibrio in poco meno di una mezz’oretta.

Godetevi Magic Circles in un unico afflato elettrico!


Condividi questa pagina!  

Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
oppure   Accedi con facebook
o compila i seguenti campi:





Aggiungi un’immagine al tuo commento >