The SPECIALS @ Arena – Cardiff 01.11.09

The SPECIALS @ Arena – Cardiff 01.11.09
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!

The SPECIALS nacquero nel 77 col nome di The Automatics che cambiarono in The Coventry Automatics, i componenti originari erano Jerry Dammers, Lynval Golding ed Horace Panter, ai quali si aggiunsero l’anno seguente Terry Hall e Roddy Radiation.
Il nome della band fu cambiato in The Special AKA The Coventry Automatics, abbreviato in The Special AKA.
Fu Joe Strummer dei The Clash che diede loro l’occasione di farsi conoscere, dopo aver seguito un concerto del gruppo, propose loro di aprire i concerti dei The CLASH durante l’On Parole UK Tour, gli Specials accettarono l’offerta, e ciò diede loro un notevole consenso a livello nazionale e non solo.
Nel 1979, il tastierista Jerry Dammers fondò una propria etichetta discografica, a cui diede il nome di 2 Tone Records (importante etichetta per il genere) e fu sotto questa etichetta che il gruppo rilasciò il primo singolo che entrò nella top ten inglese del 1979, Gangsters per l’appunto.Con l’arrivo del successo, il nome del gruppo fu ulteriormente abbreviato in The Specials e con questo nome incisero sempre nel 1979 l’omonimo LP di debutto, interamente prodotto da Elvis Costello.
In accordo con le tecniche dello ska tradizionale, il disco conteneva varie cover come “A message to you Rudy” di Dandy Livingstone, oltre a cover di brani di Prince Buster e Toots and the Maytals e altri brani dei tardi anni sessanta, oltre agli originali, fra cui l’EP “Too Much Too Young” che conquistò il primo posto della classifica inglese, nonostante lo scandalo suscitato dai temi della canzone che parlava di ragazze madri ed uso di contraccettivi.Il secondo album, intitolato More Specials, non ebbe il successo del precendente, probabilmente perché non ne aveva la stessa forte impronta ska, ma si abbandonava alla sperimentazione ed alla contaminazione con elementi pop, new wave e muzak, dando vita ad un reggae scuro e psichedelico. Questo stile influenzerà in seguito altre band più giovani, come gli Air. Nonostante lo scarso successo di pubblico e critica, l’album produsse la hit Ghost Town, che nel 1981 raggiunse anch’essa il vertice della classifica inglese.Poco dopo questo traguardo, Staple, Golding ed Hall lasciarono gli Specials per formare il gruppo dei Fun Boy Three e a questo distacco, Dammers reagì reclutando i vocalist Stan Campbell e Rhoda Dakar, coi quali continuo il progetto The Specials dando vita a un nuovo album, intitolato In the Studio.Seppur due canzoni (Racist Friend e Nelson Mandela) divennero piuttosto celebri grazie al loro contenuto antirazzista (in particolare la seconda rese il politico sudafricano, allora in prigione, conosciuto e supportato in tutto il Regno Unito), l’album passò quasi inosservato al botteghino e Dammers decise di sciogliere definitivamente la band e di darsi all’attivismo politico.Durante gli anni 80 vari ex-componenti del gruppo si diedero a vari progetti musicali: Hall, Staple e Golding nei Fun Boy Three, una band che produceva musica pop, fra cui si ricordano le canzoni Tunnel of Love, Our Lips Are Sealed e The Lunatics (Have Taken Over the Asylum) la band si sciolse nel 1983.

Un anno dopo Hall si unì ai The Colourfield, dai quali si staccò nel 1987 per darsi alla carriera solista come cantante new wave.Gli anni ’90 vedono alcuni membri del gruppo con la band The Beat, a formare il collettivo Special Beat, che si esibì in alcuni live.Con la ribalta dello ska nel 1996, la maggior parte della band originaria si riunì per registrare l’album Today’s Specials, basato su cover di pezzi ska e reggae, al quale seguì due anni dopo l’album Guilty ‘Til Proved Innocent, formato da pezzi originali nei quali comparivano ospiti come Tim Armstrong e Lars Frederiksen dei Rancid. Dopo il rilascio dei due album, il gruppo cominciò a tenere una serie di concerti, ai quali però Hall e Dammers, pur essendo due capisaldi della band, non parteciparono.Nel 1992, l’ex-bassista del gruppo Steve Panter (alias Sir Horace Gentleman), decise di appendere lo strumento al chiodo per lavorare come insegnante alla University of Central England a Birmingham.Dopo 24 anni, precisamente nel 2007, Hall e Golding si riunirono per suonare i pezzi dei The Specials, in particolare Gangsters con Lily Allen al Glastonbury Festival e A message to you Rudy con Damon Albarn e Shlomo al The Park Stage. Golding ha poi continuato a tenere concerti assieme ad ex-membri del The Beat.

Il 30 marzo 2008 Terry Hall ha annunciato che i The Specials sono in via di riunione per tenere una serie di concerti fra il 2008 e 2009…magari anche incidere un nuovo disco live e/o studio.Come ogni band ska che si rispetti, i The Specials adottarono la moda in voga fra le subculture mod, rude boy e skinhead. A costoro, principali ascoltatori e supporter del genere, sono dedicate numerose canzoni del gruppo, come: A message to you Rudy, Rude boys outta jail, Rudy ska, Skinhead moonstomp.The SPECIALS sono tornati in grande attivita’ sul revaival di molte reunion storiche ma con la certezza di continuare ancora oggi a radunare intorno a loro un grande pubblico di ragazzi di strada di allora e sopratutto di oggi dove certe tematiche sono ancora, purtroppo, attuali. Ai The SPECIALS e alla loro grande attivita’ Antirazzista è stata dedicata la VI Ed. del Tributo Italiano a JOE STRUMMER dove hanno suonato molte band dell’area Ska Italiane per rendere omaggio al grande Joe Strummer con quello stile che a lui piaceva molto…Stay Rude!


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: