BITTER GROUNDS: Hollowlands

Avete presente quando non conoscete una band, non l’avete mai sentita neanche nominare, e all’improvviso diventa una presenza fissa nel vostro stereo? Ecco, è quello che mi è successo con i Bitter Grounds e il loro album “Hollowlands”.
I Bitter Grounds arrivano dai Paesi Bassi, da Utrecht per la precisione, propongono un punk-rock ottimamente mixato allo ska e al dirty reggae, e il loro ultimo lavoro da studio è uscito a metà dicembre dello scorso anno per Next Punk Records, Bad Granola Records e Ring of Fire Records.
L’album si compone di 11 tracce che svariano dal punk-rock della iniziale Hollowlands, Life of ViolencePatience, Dead in My Head e la conclusiva Trouble, un punk-rock dal sound californiano di bands come The Briggs e U.S. Bombs (tanto per dare un’idea), semplice, diretto e con ottime alternanze di voce nei ritornelli a una mescolanza di ska in stile Hellcat Records e quel reggae sporco tipico degli Aggrolites.
Meritevoli di menzione pezzi come Human Touch (proprio a proposito di Aggrolites), Fine, Alright e la mia preferita Breakdown, dalle atmosfere “clashane”.
Disco consigliatissimo agli amanti del levare e del punk-rock semplice e senza fronzoli.

Tracklist:

Hollowlands
Struck Out
Tell Me Now
Life of Violence
Human Touch
Patience
Pressure
Fine, Alright
Dead in my Head
Breakdown
Trouble

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Potrebbero interessarti anche ...