DEBORD: Hohle

Un disco assolutamente devastante questo Hohle dei milanesi Debord, musicisti votati ad un espressionismo sonoro davvero estremo… che travalicano il limite assolutamente insufficiente del brano tout-court per DEBORDdare in un territorio, quello delle quotidiane disperazione/nevrosi esistenziali in cui qualsiasi ascoltatore può identificarsi! Noise-core, recitano le loro press-notes…citando come pietre di paragone bands quali Neurosis, Melvins, Unsane ma la tensione emotiva autenticamente vissuta vomitata ed a volte quasi implodente in questi brani, generata dal parossistico lead-vocal (autore anche delle liriche) Gianluigi Viscusie dalle due chitarre Alberto De Angeli e Matteo Meneghelli é talmente urgente da paralizzare sensi e mente.La ‘caverna’, faticosamente progettata, composta e realizzata dai Debord tra il 2001 ed il 2002 come loro stessi scrivono… non poteva rispondere a criteri ortodossi ed abituali di registrazione dovendo vivere ogni brano di una vita/situazione propria, e così troviamo registrazioni professionali accanto a prese dirette con un ‘panoramico in saletta’ (Non ci sono piu’) ed un brano live, Rimorsi (si farnetica di sangue e di omicidio) che é quanto di più angosciante si possa immaginare, inscenando un accanimento vocale debosciato (un G.Viscusi decisamente ‘out of control’…molto vicino al primissimoCave) ed un turpe anarchico scollamento/furore strumentale decisamente imparentati con gli acts più feroci dei Birthday Party più feroci!L’inserimento di tastiere/synths/samples ad opera di Omar Boasso é incredibilmente funzionale alla morbosità delle atmosfere dei Debord ( Rimorsi, Legàmi): si ascolti l’enigmatica Io vi amo (la discesa) a riguardo, un’oasi di ambient malsano prima degli psicodrammi/estremismi di Detlef, Un Ordine e dell’altro live recording, il teatrale-elettronico/tesissimo Non ci sono più..degno dei più inquietanti Throbbing Gristle: come l’ormai dimenticata band sperimentale inglese ma in un contesto noise i Debord mettono in scena con Hohle una sorta di ‘Teatro della Crudeltà’ del quotidiano attraverso episodi shokkanti, Chi sei?, 8.6, Pamplona, Legàmi che ti si conficcano nella carne e nei sensi.Un disco.. Hohle, una band… Debord, una produzione della benemerita e coraggiosa Fridge Records decisamente consigliati a chi ama le emozioni forti.Un calcio nello stomaco del panorama del rock (punk?) estremo italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Rimani aggiornato con tutte le news direttamente nella tua inbox!

Iscriviti alla newsletter, inserisci la tua email:

Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03) NO SPAM! Potrai disiscriverti in qualisasi momento.

Previous Article

Lavori in corso

Next Article

Collabora con Punkadeka.it

Spotify Playlist
Potrebbe interessarti..
LEGGI TUTTO

RETISONIC

La prima cosa che si può dire di questo singolo è : “Che Stile!!!” ( inseguito al tipico…
I PROSSIMI CONCERTI
Total
0
Share

Cosa aspetti?

Rimani aggiornato con tutte le news di Punkadeka.it direttamente nella tua inbox!

Inserisci la tua email


Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03)
NO SPAM!
Potrai disiscriverti in qualisasi momento.