Punkadeka.it CONTEST

LESTER AND THE LANDSLIDE LADIES: Estranged in Ladyland

Avevamo già incrociato la strada di Lester e dei suoi Landslide Ladies in occasione dell’uscita dei suoi tre cd contemporanei (un triplo cd sotto mentite spoglie), ma stavamo ancora aspettando un cd vero e proprio di inediti con cui presentarsi all’universo, e questo “Estranged in Ladyland” è un ottimo biglietto da visita per continuare la “conquista del mondo bettola dopo bettola” come recita la loro bio. I riferimenti musicali sono sempre quelli dello scorso album, a volte ci si sbilancia più sul lato Ramones, a volte salta fuori un riff decisamente à-la Kiss (di cui il chitarrista Vinn è maniaco), a volte spunta fuori una melodia degna del miglior glam anni ’70…su tutto svetta la voce da stupendo perdente alcolizzato di Lester, degna di comparire a fianco di gente come Tyla e Spike nell’olimpo dei cantanti con la voce resa roca da alcool e sigarette. Ma vediamo più da vicino il disco. Quand’è l’ultima volta che vi siete veramente commossi con una canzone? L’ultima volta in cui ascoltando una canzone vi è spuntata una lacrimuccia all’angolo dell’occhio strappandovi un sorriso? Per me la risposta è semplice: quando ho ascoltato “A drug i can’t deny”, seconda traccia di quest’album. Una canzone che arrangiata da un pezzo grosso e data in pasto a qualcuno come Springsteen, farebbe urlare di gioia stadi interi…o ancora la conclusiva “For the Ramones”, ormai pezzo forte dei live della band e vera e propria dichiarazione d’amore per i quattro finti fratellini newyorkesi. In mezzo ci sono 11 canzoni delle quali almeno 4 potrebbero rilanciare la carriera in dirittura d’arrivo di qualche rottame glam o punk, o che potrebbe dare il calcio in culo definitivo alla carriera di qualche promettente rocker americano che non sta andando da nessuna parte. Il problema di questo cd è proprio questo: Lester e Vinn sono una coppia di autori musicali che potrebbero scrivere hit per chiunque, ma i Landslide Ladies sono una band tanto stabile quanto l’equilibrio psichico di Lester, e infatti la formazione cambia ogni 10 minuti circa…questo purtroppo si sente, quindi ad una qualità assoluta delle canzoni, fa da contraltare una parte ritmica poco dinamica, e piuttosto ripetitiva. Sono pressochè sicuro che con una formazione più fissa e più partecipe del lato creativo, il buon Lester otterrebbe dei gran vantaggi…detto questo, quasi ogni album ha la sua pecca e direi che quella di questo Estranged in Ladyland è assolutamente trascurabile. Per info su come recuperare il cd: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Rimani aggiornato con tutte le news direttamente nella tua inbox!

Iscriviti alla newsletter, inserisci la tua email:

Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03) NO SPAM! Potrai disiscriverti in qualisasi momento.

Previous Article

Lavori in corso

Next Article

Collabora con Punkadeka.it

Potrebbe interessarti..
LEGGI TUTTO

OBRINT PASS: Terra

In questo periodo sto scoprendo con molta sorpresa e grande piacere una scena musicale che si conosce poco…
LEGGI TUTTO

BeNUTS: Nutty by nature

Una delle migliori Ska bands europee conosciute in tutto il mondo… vengono dalla capitale della birra tedesca, Monaco,…
LEGGI TUTTO

GARADRO: Tarantella core

Per chi vuole trovare qualcosa di nuovo nell’ ambito Ska-core italiano.. provi ad ascoltare “Tarantella core” dei brianzoli…
Total
0
Share

Cosa aspetti?

Rimani aggiornato con tutte le news di Punkadeka.it direttamente nella tua inbox!

Inserisci la tua email


Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03)
NO SPAM!
Potrai disiscriverti in qualisasi momento.