TORTUGA: Il click del Capodoglio

I Tortuga non sono punk, anzi probabilmente non lo sono mai stati.

Ma hanno quell’anima “bastarda” che li porta a essere tutto e niente, che ti disorienta e affascina, dei gran casinisti insomma. Non sono una band qualunque, fanno le cose con la giusta professionalità e hanno stile. Questi sono i tratti somatici di un progetto che mi è piaciuto da subito, o meglio, da quando ho avuto a che fare con “Il click del Capodoglio”. Un titolo che sembra volersi legare alla loro terra, quella Sardegna per certi versi incontaminata e selvaggia, proprio come il loro sound.

Fanno rock italiano i Tortuga, ma forse di italiano in questo disco ci sono solo le parole, che stranamente hanno un senso compiuto e non sono la solita marea di sciocchezze scritte dall’artista da classifica di turno. D’altra parte forse anche a loro quell’idea di rock ha un po’ stufato.

Spazio quindi al puro estro, alla voglia di lasciare all’improvvisazione sonora e ai sentimenti il libero arbitrio e a un cantante ipnotico il compito di segnare la strada. “Il click del Capodoglio” è quindi il classico disco che si tiene in auto per un lungo viaggio, o quello che si ascolta quando si ha voglia di avere a che fare con un lavoro che centra poco coi propri gusti ma che sai che ti darà soddisfazioni. Se non avete paraocchi dategli un ascolto, probabilmente colpirà anche voi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Potrebbero interessarti anche ...