DESCENDENTS: Hypercaffium Spazzinate

DESCENDENTS: Hypercaffium Spazzinate
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
DESCENDENTS: Hypercaffium Spazzinate

Ci avevano lasciati nel 2004 con “Cool to be You”, ritornano nel 2016 con “Hypercaffium Spazzinate”. Sto chiaramente parlando dei Descendents, storica band californiana tra le più influenti nel mondo del punk-rock. Nonostante questa indubbia influenza, Milo & Co. non hanno mai nutrito di quella considerazione mediatica che invece si è presentata nell’attesa del nuovo album.
“Hypercaffium Spazzinate” è un disco potente, melodico e perfettamente arrangiato,come di consueto del resto, quindi niente di nuovo: si forma di ben 16 pezzi nei quali la sezione ritmica formata dalla coppia Stevenson-Alvarez, come se ce ne fosse bisogno, dimostra per l’ennesima volta di non avere uguali.
Si parte con l’aggressiva Feel This, con intro di chitarra in pieno stile Black Flag, per poi continuare con Victim Of Me (nella quale Karl Alvarez da il meglio di se stesso) e On Paper, pezzo che preferisco per la sua orecchiabilità e melodia.
Il nuovo lavoro dei Descendents non è di facile ascolto. Mi ci è voluto un po per assimilare tutti i pezzi, Spineless and Scarlet Red ad esempio non sono ancora riuscito ad apprezzarla in toto, ma per il resto è una goduria per le orecchie: sia i pezzi tirati come No Fat Burger (che rimanda vagamente alla No Fb di “I Don’t Wanna Grow Up”) e We Got Defeat, dove i cambi di ritmo sono magistralmente eseguiti, che quelli con meno bpm (Smile su tutte) si fanno apprezzare per la loro immediatezza, pur non essendo proprio in stile Ramones per intendersi.
La chiusura è la parte più bella dell’intero album: Comeback Kid è il pezzo dedicato al batterista Bill Stevenson, scampato anni fa ad un terribile male, mentre la conclusiva Beyon The Music ci spiega cosa siano effettivamente i Descendents e unisce un gran testo alla proverbiale musicalità della band di Lomita.
Dodici anni sono tantissimi, ma il tempo trascorso è stato ripagato da “Hypercaffium Spazzinate”. E con gli interessi.

Tracklist:

Feel This
Victim Of Me
On Paper
Shameless Halo
No Fat Burger
Testosterone
Without Love
We Got Defeat
Smile
Limiter
Fighting Myself
Spineless and Scarlet Red
Human Being
Full Circle
Comeback Kid
Beyond The Music


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: