THE MENZINGERS: On The Impossible Past

THE MENZINGERS: On The Impossible Past
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
THE MENZINGERS: On The Impossible Past

I Menzingers rappresentano per molti la vera e propria rivelazione del punk-rock degli ultimi anni. “On the Impossible Past” è il terzo lavoro da studio della band di Scranton, Pennsylvania, il primo sotto la gloriosa Epitaph Records. Dopo “A Lesson in the Abuse of Information Technology” (uscito nel 2007 per Go-Kart Records) e “Chamberlain Waits” (2010, Red Scare Industries) ecco quello che a mio parere è il vero e proprio salto di qualità della band. Devo essere sincero: prima i Menzingers non mi piacevano affatto, ma “On the Impossible Past” mi ha fatto totalmente cambiare idea e apprezzare cose che prima non apprezzavo (questo in fin dei conti è il bello della musica).

In linea generale questo album può essere considerato il continuo di “Chamberlain Waits”, ma con qualcosa in più. Il disco si compone di 13 pezzi che coniugano al meglio le caratteristiche dei Menzingers che abbiamo ascoltato nei due lavori precedenti. Già da Good Things possiamo intuire quella che sarà la linea che la band percorrerà: un perfetto binomio tra melodia e potenza (Ava House Sculptors and Vandals su tutte) ci porta ad un punk-rock sublime che raggiunge i punti più alti in pezzi come Sun Hotel, Mexican Guitars Casey, oltre che alle iniziali Burn After Writing e la bellissima The Obituaries. Un discorso a parte va fatto per Nice Things, in assoluto la canzone più bella dell’intero album secondo me. Anticipato dall’intro che da il nome al disco, Nice Things rappresenta tutto quello che i Menzingers hanno costruito in questo loro inizio di carriera: melodia allo stato puro (l’assolo a metà canzone è da brividi), il testo veramente bello e il cantato fanno di questa canzone la classica ciliegina sulla torta.

Chi come me non apprezzava i Menzingers fino al febbraio dello scorso anno, ascoltando “On the Impossible Past” sono convinto che si ricrederà!

 

Tracklist:

Good Things

Burn After Writing

The Obituaries

Gates

Ava House

Sun Hotel

Sculptors and Vandals

Mexican Guitars

On The Impossible Past

Nice Things

Casey

I Can’t Seem To Tell

Freedom Bridge

 


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: