Punkadeka.it

THE BECKS STREET BOYS: Pop’s not dead

THE BECKS STREET BOYS: Pop’s not dead
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
LoadingAggiungi ai preferitiAggiungi ai preferiti!Consulta la tua lista degli articoli preferiti        

THE BECKS STREET BOYS: Pop’s not dead

Non stiamo parlando ovviamente di una boy band ma di un quartetto di punkrockers tedeschi attivo dal lontano 97 ma che solo ora rilascia il suo primo full lenght per l’attiva Matula records ( www.matularecords.de ).

Come sempre la Germania non smentisce la sua ottima fama e questo album si segnala come un ottimo prodotto che nei suoi trenta minuti divisi in dieci canzoni trasuda energia e sudore, spaziando tra Toy Dolls, Lars & the Bastard e mettiamo anche i nostri Derozer i Beks street boys propongono un punk rock grezzo e stradaiolo, ricco di cori e ottime melodie, senza risultare mai eccessivamente smielato.

I brani scorrono via veloci e si concedono di tanto in tanto qualche variazione sul tema, troviamo infatti accelarazioni hardcore (seppur non eccessivamente marcate) nei due brani cantati in tedesca mentre nella quarta traccia i ritmi si calmano e interviene a sostengno una voce femminile.

Molto particolare la voce, al limite dello stonato potrebbe far storcere il naso al primo ascolto per via del suo timbro sguaiato, o la si ama o la si troverà alquanto ostica. Aldilà di questo il cd lascerà più che soddisfatti gli amanti del genere grazie alla sua capacità di creare le tipiche atmosfere da bar che mi ha fatto ripensare al fantstico split tra Los Fastidios e FFD..se vi piace la caciara questo è il cd che fa per voi!

Per saperne di più date un ascolto ai due mp3 disponibili, “Not a real story” e “No one”.


Condividi questa pagina!  

Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
oppure   Accedi con facebook
o compila i seguenti campi:





Aggiungi un’immagine al tuo commento >