THE MANGES: All Is Well

THE MANGES: All Is Well
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
THE MANGES: All Is Well

A distanza di 4 anni dall’immenso “Bad Juju” tornano i Manges con il nuovissimo “All Is Well” uscito poche settimane fa per It’s Alive Records, Monster Zero Records e Dumb Records. Le varie interviste che ho avuto occasione di leggere prima dell’uscita del disco e la presenza di Hervé (Peawees) alla produzione avevano lasciato presagire un non so che di cambiamento nel sound dei 4 punk-rockers. Non posso certo stare qui a parlare di cambiamento radicale, la formula è sempre la stessa: punk-rock tiratissimo ed essenziale, ma chitarre più in stile Veterans (o quanto meno “surf”) che Manges old school. Qui si potrebbe aprire un dibattito, che probabilmente si è già aperto, tra gli integralisti-fanatici ramonici e i più portati all’evoluzionismo musicale (concedetemi il termine) su cosa sia meglio, se il prima o il dopo. Posizionandomi esattamente nella via di mezzo tra le due categorie sopra citate posso dire senza problemi che “All Is Well” mi piace. A dir la verità il primo ascolto ha lasciato più di un punto di domanda che, piano piano ascolto dopo ascolto, si è trasformato in punto di esclamazione.

Si parte con Crocodile In My Head nella quale si esalta al meglio il connubio tra il classico punk-rock stile Manges e il “nuovo” sound di chitarre, connubio che è un po il filo conduttore di questo disco che contiene vere gemme come la successiva My Bad (uno dei pezzi più belli anche dal vivo), la “ramonicissima” Love Is A Disease Panic At The Ice Rink. Degne di una particolare menzione sono Don’t Screw Up The Formula nella quale si nota maggiormente la nuova vena dei Manges con i suoi riff di chitarra puramente surf, I Tried To Die Young, cover azzeccatissima della cantautrice americana Melanie Safka (nonché mio pezzo preferito dell’album) e la conclusiva Lone Commando (All Is Well) destinata a diventare, se già non lo è, un vero e proprio inno della storica punk band spezzina.

Insomma la lunga attesa del successore di “Bad Juju” ci ha regalato un disco onesto che è riuscito a coniugare più che bene (opinione strettamente personale) i Manges che noi tutti conosciamo con i Manges che non avevamo mai sentito. All Is Well.

Tracklist:

Crocodile In My Head

My Bad

Plan Honolulu

Love Is A Disease

Panic At The Ice Rink

Don’t Screw Up The Formula

Don’t Beat On Me

I Tried To Die Young

Topolinia

Secret Agent Super Dragon I Just Wanna Make You Cry Lone Commando (All Is Well)


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: