CAFFE-IN 咖啡因

“I Caffe-in si formano da un progetto dei giapponesi Sayu e Masato, compagni di università nel lontano 2000 a Pechino,”…

…e, dopo vari cambi di formazione (hanno dovuto cambiare prima il batterista per problemi di tendinite, poi il chitarrista), finalmente nel 2006 riescono a far uscire il loro album, ottenendo l’approvazione di gruppi come Reflector e Brain Failure.

La loro musica è un misto di pop, ska e punk, o, come preferiscono definirla loro, “happy, sweet & cool”. Il loro repertorio prevede pochissimi brani lenti, tutti hanno un ritmo trascinante e sono estremamente orecchiabili, uno stile un po’ eccentrico caratterizzato dalla voce squillante di Sayu.

Inevitabilmente, ascoltando il loro cd, tornano in mente i cartoni animati: d’altra parte anche la CCTV, principale emittente cinese, ha chiesto loro di comporre una sigla per un katong, e il chitarrista è un appassionato di manga.

Si sente molto l’influenza del j-rock nel loro lavoro, ma in sostanza i Caffe-in o si amano o si odiano: c’è chi non sopporta la voce dal timbro infantile della cantante, o chi impazzisce per l’intro di Bangbangtang棒棒糖, suonato con una melodica, ovvero una pianola a fiato, che impazzava negli anni ‘80.

I brani sono scritti a due mani dal chitarrista e dal bassista, mentre gli altri membri aiutano a comporre la musica; in genere trattano di temi quotidiani, come l’amore, i rapporti con i genitori, le difficoltà della vita.

Nel 2007 è uscito un singolo per la Pilot Records, etichetta pechinese, che contiene, oltre a Bangbangtang anche Jia you xiao mao chong加油小毛虫, lett. “forza piccolo bruco” (io l’avevo detto che o si amano o si odiano :P).

I Caffe-in sono un gruppo abbastanza conosciuto a Pechino, ma questo non basta a fermare i pregiudizi nei loro confronti. Purtroppo ci sono alcuni cinesi che, generalizzando, non tollerano i giapponesi ed hanno atteggiamenti razzisti: durante l’esibizione al Rock&Beer Festival 2006 c’è stato un lancio di accendini, ma la band è riuscita a sdrammatizzare, facendo ballare il pubblico e riuscendo a superare l’inconveniente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Rimani aggiornato con tutte le news direttamente nella tua inbox!

Iscriviti alla newsletter, inserisci la tua email:

Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03) NO SPAM! Potrai disiscriverti in qualisasi momento.

Previous Article

Floogging Molly, unica data nazionale!

Next Article

25 anni di carriera per gli Statuto.

Spotify Playlist
Potrebbe interessarti..
LEGGI TUTTO

THE STAB

“Finalmente disponibile l’opera omnia di questa grande punk-rock band con membri di Nabat e Rude Pravo!Ventitre tracce compreso…
Nuovo Ep per i PUP
LEGGI TUTTO

Nuovo Ep per i PUP

Il prossimo 23 Ottobre uscirà “This Place Sucks Ass“, il nuovo Ep dei PUP (Little Dipper Records, etichetta…
I PROSSIMI CONCERTI
Total
0
Share

Cosa aspetti?

Rimani aggiornato con tutte le news di Punkadeka.it direttamente nella tua inbox!

Inserisci la tua email


Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03)
NO SPAM!
Potrai disiscriverti in qualisasi momento.