Green room: Nazi vs punk ..il film a Cannes

“Green room“, il nuovo film di Jeremy Saul­nier è stato presentato oggi al festival di Cannes.. dalle prime recensioni  non sembra niente male per gli apassionati dei Thriller:

“L’incipit del nuovo film —Green room — è quasi geniale. Uno sguardo asso­nato riprende coscienza som­merso dal verde. «Merda…». Stacco. Una ripresa dall’alto mostra un Suv are­nato in un campo di grano. La scia di una fre­nata dispe­rata rac­conta cosa è acca­duto. In una man­ciata di secondi Saul­nier ci fionda nel suo film. Una pre­ci­sione degna dei grandi del pas­sato, si direbbe.

Ed è que­sto tipo di scelte, di sguardo, che fanno di Saul­nier un cinea­sta non banale. I pas­seg­geri del Suv sono gli Ain’t Rights (i Non-giusti, in ita­liano), band har­d­core punk che si sbatte di con­certo in con­certo nel cuore del Nord-Ovest del Paci­fico. Il con­certo che ha orga­niz­zato per loro un entu­sia­sta di pro­vin­cia con tanto di cre­sta stile Wat­tie degli Exploi­ted si rivela un buco nell’acqua. Lui, per farsi per­do­nare, gli con­si­glia di andare a suo­nare in un locale poco lon­tano, baz­zi­cato da suo cugino. C’è un ma, però. Il posto è fre­quen­tato da ski­n­head. Uno della band, che indossa una t-shirt dei Minor Threat, chiede che «tipo» di ski­n­head fre­quenti il locale.

Il punk aspi­rante pro­mo­ter li ras­si­cura: gente felice di menare, con delle idee strane, ma tutto som­mato tran­quilli. Ovvia­mente, appena messo piede nel came­rino, «andate su in 20 minuti!» è il ben­ve­nuto di uno dei gestori del locale, è subito chiaro che l’aria è pesante. Ade­sivi inneg­gianti al White Power (Potere bianco) in bella evi­denza sugli arma­dietti. Croci unci­nate, inni alla nazione ariana e varia­zioni sul tema ovun­que. E quei pochi ade­sivi inneg­gianti all’anti-razzismo sem­brano essere messi a bella posta tanto per ras­si­cu­rare. E qui Saul­nier piazza il secondo col­pac­cio del film. Col­pac­cio che per un attimo fa bat­tere più forte il cuore. I Non-giusti, mai stati meno giu­sti di così, aprono il con­certo con una cover al ful­mi­co­tone di Nazi Punks Fuck Off dei Dead Ken­ne­dys. Finito il con­certo, l’incubo. Una morta nel came­rino e testi­moni da far scomparire.

Abban­do­nando lo stu­dio ambien­tale per ope­rare una varia­zione intorno ai temi di Distretto 13: le bri­gate della morte di John Car­pen­ter, si rivela in realtà una sfida al di là delle pos­si­bi­lità del pur volen­te­roso Saul­nier. Chiusi in pochi lerci metri qua­drati, cir­con­dati da skin armati fino ai denti, si tro­vano a dovere lot­tare per ogni cen­ti­me­tro. Il film, non è poco, non abban­dona mai la presa. Il ritmo è tira­tis­simo, eppure non si può fare a meno di notare che, nono­stante l’intrigante pre­messa, si sci­vola fatal­mente nei ter­ri­tori più con­ven­zio­nali del genere. Più inte­res­sante, il con­flitto fra la ski­n­head non nazi­sta di pro­vin­cia (una con­vin­cente Imo­gen Potts) e il resto della band intrap­po­lata. Due mondi e due modi di vivere la musica e la cul­tura vei­co­lata agli oppo­sti; mondi che rac­con­tano di classi sociali appa­ren­te­mente scom­parse, messe in scena come segni e appar­te­nenza tribale.

La gag riguar­dante la band da isola deserta, rive­lante impen­sa­bili sche­le­tri musi­cali negli armadi dei punk duri e puri (Imo­gen Potts rivela di amare Madonna e gli Slayer), aggiunge una nota di umo­ri­smo che fa il paio con la pre­senza inquie­tante di un Patrick Stewart, neo­na­zi­sta dedito allo spac­cio di eroina, in uno di quei ruoli che hanno fatto la for­tuna di Stacy Keach (cfr. Ame­ri­can History X). Jeremy Saul­nier con Green Room con­vince pur senza… con­vin­cere del tutto. Gli manca al momento lo scarto inat­teso di un Ben Whea­tley che separa il manie­ri­sta dal visionario.”

[recensione a cura di Giona A. Nazzaro – Il Manifesto]

3 comments
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Previous Article

TUTTI SUL PALCO 2015 all'Ex Caserma Occupata di Livorno

Next Article

La BMG acquisisce l'etichetta indipendente Rise Records

Potrebbe interessarti..
Total
57
Share

Cosa aspetti?

Rimani aggiornato con tutte le news di Punkadeka.it direttamente nella tua inbox!



Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03)
NO SPAM!
Potrai disiscriverti in qualisasi momento.