TOTAL CHAOS: Intervista esclusiva!

Iniziamo l’anno pubblicando un’intervista esclusiva con Rob Chaos, voce della band statunitense abbiamo toccato argomenti diversi tra loro: gusti personali, l’ultimo album, il tour e anche la situazione in palestina…
Ecco a voi i Total Chaos!

Ricordo che mille anni fa (2001) hai fatto una versione punk di One dei Metallica come “tributo punk ai Metallica”… quali band ascolti fuori dalla scena?
A tutti nella band piace musica diversa, per quanto mi riguarda ero davvero appassionato di “the Doors”, i vecchi “Rolling Stones” della new wave degli anni ’80 sono davvero fantastici! Tanta roba davvero

Il tuo ultimo lavoro è Mind Warfare, uscito ad ottobre in Europa per Katabomb Records e Pavement Entertainment per il resto del mondo.. cosa puoi dirmi del “making of”?
Beh, originariamente sarebbe dovuto uscire nel 2020, ma a causa delle restrizioni dei governi tutto si è fermato e quando tutto è tornato alla normalità l’anno scorso, abbiamo fatto così tanti tour che ci abbiamo messo un’eternità per finirlo, quindi ci sono voluti 7 anni per completare questo disco. , ma è venuto davvero bello!

Qual è la tua canzone preferita dell’album e perché?
Mi piacciono molte canzoni di questo disco, è difficile per me dire quale sia la mia preferita, ma se dovessi dirne solo una sarebbe l’ultima traccia: “Benvenuti nel nuovo ordine mondiale”  perché  tocca così tante cose succedendo in questo mondo, la maggior parte delle cose che le persone semplicemente ignorano, ma stanno lentamente diventando realtà..

 L’album è stato promosso da un tour negli Stati Uniti di molte date (quasi tutti i giorni a settembre)… qualche aneddoto da raccontarci?
Siamo stati occupati in viaggio per gran parte dell’anno, tutto quello che posso dire è che abbiamo avuto bisogno di una pausa dopo tutto questo.

Da giugno a luglio hai fatto anche diverse date europee (anche a Milano al Baraonda)… differenze tra Usa ed Europa?

Negli Stati Uniti ci sono tutti club aziendali, e lì si fa strike su tutto, in Europa molti locali sono come centri  sociali con moltissimi giovani,  i ragazzi possono bere birra, fumare e fare praticamente qualsiasi cosa..  negli Stati Uniti si può fare qualcosa del genere ma devi avere più di 21 anni per bere.

Ti piace di più eseguire piccoli squat o grandi locali?
Mi piacciono entrambi, a patto che i club non siano per giocare, bere birra, ballare e cose del genere.

Dal 1988/89 ad oggi, secondo te, quali sono stati i cambiamenti nei Total Chaos e nella scena punk/hc?
I cambiamenti nella band riguardano principalmente alcuni cambiamenti nella line-up, perché alcuni ragazzi non riuscivano a sopportare il tour tutto il tempo e volevano mettere su famiglia, come per la scena punk, grandi cambiamenti, ma la maggior parte non in meglio.
Negli anni ’80 e all’inizio degli anni ’90 era piuttosto pericoloso far parte della scena punk, poliziotti, atleti, redneck e membri di gang volevano sempre picchiarti, ti faceva avere la pelle dura e non accettare stronzate, al giorno d’oggi è più facile e ci sono molti meno problemi, ma questo favorisce la pigrizia e molte persone non stanno insieme e sicuramente sono molto meno solidali.

Molti dicono che i primi Total Chaos con Epitaph sono abbastanza diversi dai Total Chaos di oggi, cosa ne pensi?
L’unica differenza è che siamo musicisti molto migliori, più affiatati e abbiamo molta più conoscenza, in passato dovevamo provare tutto il tempo per mettere insieme le cose, non è semplicemente una seconda natura.

Domanda più impegnativa: cosa pensi del fatto che il mondo punk non si esponga sulla questione palestinese?
La gente ha paura di questo, perché Israele e i media si affrettano a definirti antisemita contro gli ebrei, ma questo è lontano dalla verità, infatti i palestinesi sono essi stessi semiti, semitico riguarda un membro di uno qualsiasi dei popoli che parla o ho parlato una lingua semitica, compresi in particolare gli ebrei e gli arabi, ma questo non lo si può dire ai media, te lo sbatteranno in faccia(i fatti non contano di questi tempi) comunque non scelgo da che parte stare in questa guerra, ma devo dire che il popolo palestinese subisce torti da decenni. E non c’è nessuno lì che li aiuti o li sostenga.

Spazio libero: spara a chi vuoi, qualunque cosa tu voglia…

Sii te stesso, rimani vigile e metti sempre in discussione tutto!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Rimani aggiornato con tutte le news direttamente nella tua inbox!

Iscriviti alla newsletter, inserisci la tua email:

Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03) NO SPAM! Potrai disiscriverti in qualisasi momento.

Previous Article

QUESTA E' ROMA: 12 e 13 Gennaio all'Intifada

Next Article

Nuovo Singolo "The Kids Have Gone" dei "Retarded"

Spotify Playlist
Potrebbe interessarti..
I PROSSIMI CONCERTI
Total
0
Share

Cosa aspetti?

Rimani aggiornato con tutte le news di Punkadeka.it direttamente nella tua inbox!

Inserisci la tua email


Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03)
NO SPAM!
Potrai disiscriverti in qualisasi momento.