Punkadeka.it Questionario

VIRUS: CONTAMIN-AZIONE PUNK A MILANO Un pò di luce sul punk

Il punk mi ha sempre interessato molto dal punto di vista musicale in tutti i suoi generi e sfumature.
Da questa mia passione è nata la curiosità di andare oltre il lato puramente musicale e cercare di superare quei luoghi comuni che da sempre esistono e che dipingono i punk esclusivamente come soggetti passivi senza ideali né progetti.
Per questo ho deciso di approfondire e analizzare l’esperienza del Virus, un centro sociale milanese, attivo tra il 1980 e il 1984, gestito esclusivamente da punx anarchici.

La prima parte dell’analisi è storica: ho brevemente analizzato la nascita del punk inglese cercando di individuare le caratteristiche principali di questo nuovo modo di pensare e di vivere.

Ho cercato, inoltre, di ricostruire la situazione sociale e politica in Italia alla fine degli anni ’70, la cui conoscenza è essenziale per capire le trasformazioni e la peculiarità del punk italiano rispetto a quello inglese, nato appunto in quel particolare contesto storico.

Ho poi raccontato la nascita dei primi punk e la loro difficile sopravvivenza in una città come Milano.
Una parte centrale è dedicata interamente al Virus: le iniziative, le attività, il pensiero dei punx anarchici, i concerti durante i suoi quattro anni di vita.

Le informazioni raccolte sono state frutto di una ricerca e di una analisi dei documenti dell’epoca: articoli di giornali, volantini, fanzines, pubblicazioni etc.

Ho cercato di ricostruire il clima e l’ambiente che si respirava in Via Correggio 18 approfondendo i temi e gli argomenti più importanti per i punx.

Ho tracciato brevemente la situazione dopo lo sgombero e la chiusura del Virus, il disorientamento e lo smarrimento dei punx dopo avere perso il loro punto di riferimento.
La seconda parte è di ricerca empirica, condotta tramite diverse interviste ai punx di ieri del Virus e i nuovi punk di oggi, cercando di confrontare le due diverse esperienze e vedere se l’eredità del Virus fosse stata più o meno assorbita dalle nuove generazioni e quale concezione avessero queste ultime del punk.

Introduzione

Tracciare una storia del punk e trovarne una data di nascita e morte è un’impresa molto difficile, ma ancor più difficile è trovare un unico “significato” dietro questo movimento.

Cercarlo è semplificare un discorso molto più complesso; è soffocare le numerose voci e gli individui che ne hanno fatto parte, è voler ridurre ad un semplice fenomeno da analizzare e catalogare qualcosa che per sua natura non si può inquadrare e schematizzare.

Molti pensano che il punk sia stato solo una moda, un genere musicale, un modo bizzarro di pettinarsi e vestirsi, uno stile senza alcun significato, ma non è così.

Comprendere il punk non è difficile perché mancano i significati, semmai per l’esatto contrario: perché le idee e le interpretazioni sono moltissime e molto diverse tra loro, quanto numerosi e diversi sono i giovani di tutto il mondo che si sono avvicinati al punk.

E’ sempre stato vissuto in modo molto soggettivo, diverso a seconda del clima politico, sociale ed economico nei luoghi in cui si è diffuso tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80.

E’ per questo che la parola punk comprende molte esperienze diverse, alcune anche in contrasto tra loro, accomunate da un uguale rifiuto e repulsione per la società e tutto ciò che ne fa parte, unite solo dal desiderio di essere diversi e stare fuori dal sistema.

E’ questo che, infatti, unisce sotto la stessa “parola” delle esperienze così diverse come il punk inglese fatto di puro nichilismo e disfattismo concentrato nello slogan “NO FUTURE” e il punk anarchico (sempre inglese) che si rifaceva al gruppo musicale CRASS, che meglio di tutti ha unito il punk all’azione politica, alla non- violenza, al pacifismo, il cui esempio è stato poi seguito anche dai punx italiani del Virus.

Apparentemente nulla sembra legare queste due esperienze.

Diversa la musica e i testi: all’insegna della rinuncia e del nichilismo i primi, politicamente impegnati e densi di significati i secondi.
Diverso lo stile di vita: per strada senza nessuna occupazione i primi, vita in comune e attivismo per i secondi.

Diverso persino il modo di vestire: molto più appariscente e caotico il look dei primi fatto di ciuffi e creste colorate, anfibi e giubbotti in pelle, impermeabili e indumenti in plastica e PVC dai colori brillanti…il tutto tenuto insieme da adesivi e spille di sicurezza, borchie e mollette da panni, molto più essenziale il look dei secondi, rigorosamente nero e semplice.

E questo è solo un esempio della diversità all’interno del punk e rende l’idea di quanto forte sia il collante che le unisce, di quanto irriverente, rivoluzionario, insurrezionale e innovativo è stato il messaggio del punk, cioè l’uscita totale dalla società e dalle logiche del mercato “giovanilistico”, “una risposta ad anni di schifo, una maniera di dire NO! Quando avevamo sempre detto SI!” per parafrasare i CRASS.[M. Philopat, 1997]

Solo tenendo presente la violenza e la forza di questo messaggio si può comprendere sotto la parola PUNK degli stili di vita così diversi tra loro e si può guardare al punk come ciò che realmente è stato: una nuova cultura, contro, sotto o sopra che fosse, ma comunque autonoma dalla cultura dominante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Rimani aggiornato con tutte le news direttamente nella tua inbox!

Iscriviti alla newsletter, inserisci la tua email:

Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03) NO SPAM! Potrai disiscriverti in qualisasi momento.

Previous Article

INDEPENDENT DAYS 2003

Next Article

MOTORAMA

Spotify Playlist
Potrebbe interessarti..
LEGGI TUTTO

LAGWAGON

Punkadeka.it, ha incontrato per voi Joey Cape, voce dei Lag Wagon, personalità di spicco nel panorama dell’hardcore melodico…
Nuovo Ep per i PUP
LEGGI TUTTO

Nuovo Ep per i PUP

Il prossimo 23 Ottobre uscirà “This Place Sucks Ass“, il nuovo Ep dei PUP (Little Dipper Records, etichetta…
I PROSSIMI CONCERTI
Total
0
Share

Cosa aspetti?

Rimani aggiornato con tutte le news di Punkadeka.it direttamente nella tua inbox!

Inserisci la tua email


Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03)
NO SPAM!
Potrai disiscriverti in qualisasi momento.