Against Me! + Roger Harvey + Caves, 19-04-2015, Live Forum, MI

Against Me! + Roger Harvey + Caves, 19-04-2015, Live Forum, MI
A cura di   |     |  
 1 Commento

Against me!

Quello degli Against Me! del 19 aprile è solo il primo di una serie di concerti che si terranno nella capitale lombarda, ancora una volta capitale a tutti gli effetti del punk-rock in Italia.

Con il mio fido compagno Paolo partiamo alla volta del Live Forum di Assago dove ci aspetta una serata tra amici in un locale che non amo particolarmente, ma che sarà teatro del concerto di una tra le band alla quale, in questi anni anni, mi sono fortemente appassionato: gli Against Me!.

All’arrivo nel parcheggio del Live Forum, dopo essere stato accolto con l’autografo (con tanto di dedica) di Maccio Capatonda, gentilmente regalatomi dal mitico Masu, ci apprestiamo all’ingresso del Forum per l’inizio degli inglesi Caves, non prima però di due chiacchiere con gli amici milanesi, genovesi ed emiliani accorsi per l’occasione e le tante e reciproche gufate calcistiche.
Ad essere sincero, non avevo mai sentito parlare della band inglese che ha il compito di scaldare il pubblico, ma sono bastati i primi pezzi per colpirmi positivamente: i Caves suonano un punk-rock talvolta melodico, talvolta più e tirato e incazzato in cui le voci della frontgirl/bassista e del chitarrista si scambiano alla perfezione.
Per gli amanti dei raffronti mi hanno ricordato in più di un’occasione gli Holy Mess: promossi a pieni voti.

Dopo la canonica sigaretta (accompagnata da ulteriori gufate calcistiche) è il momento di Roger Harvey, cantautore di Pittsburg per l’occasione accompagnato dalla band.
A differenza dei Caves, Roger Harvey mi lascia quasi del tutto insoddisfatto: il suo folk elettrico è fin troppo “moscetto” per i miei gusti e mi ha riportato alla mente i pezzi più lenti degli Smith Street Band, altra band che non riesce ancora a dirmi qualcosa di positivo, soprattutto da disco.

Finalmente è giunto il momento degli Against Me! e il Live Forum va piano piano riempiendosi (anche se non è stato raggiunto il sold out, la calca sotto al palco è evidente).
Alle 22:00 in punto Laura Jane Grace e soci si rivelano e partono subito alla grandissima con I Was A Teenage Anarchist e True Trans Soul Rebel, prima di presentarci un pezzo nuovo intitolato 12:03.
La grinta della band è incredibile e il pubblico contraccambia per tutta la durata del concerto.
Viene eseguito quasi tutto l’ultimo album “Transgender Dysphoria Blues”, di cui non vengono suonate solo l’acustica Two Coffin e, mio malgrado, Paralytic States.
Dell’album d’esordio “Reinventing Axl Rose” ricordo solo Pints Of Guinness Make Me Strong, Those Anarcho Punks Are Mysterious… e Walking Is Still Honest: perché ne estraggano sempre così poche di questo splendido disco ancora non so come spiegarmelo.
Tutto il concerto scorre via che è una meraviglia. Si susseguono Cliché Guevara, Don’t Loose Touch, la sempre emozionante White Crosses, Turn Those Clapping Hands Into Angry Balled Fist, T.S.R. (This Shit Rules, Trash Unreal e via via tutte le altre, fino ad arrivare all’encore in cui brillano soprattutto Sink,Florida,Sink e We Laugh at Danger (And Break All the Rules).
Poco importa se non hanno fatto la mia preferita in assoluto (Because Of The Shame) e poco importa la falsa partenza in Osama Bin Laden As The Crucified Christ: gli Against Me! hanno confermato, se mai ce ne fosse stato il bisogno, di essere delle “bestie da palco”.
La sensazione è quella che finalmente Laura Jane Grace abbia trovato una stabilità nella line up che, speriamo, faccia fare altre infinite grandi cose alla band di Gainesville.

Così come nel caso di La Spezia del luglio 2012, non riusciamo neanche stavolta a incrociare qualcuno della band, ma poco male. Dopo i saluti ci dirigiamo verso la macchina felici come mucche da latte (passatemi la citazione “Griffiniana”).
Il viaggio è stato lungo e lo sarà anche al ritorno, ma ancora una volta ne è valsa la pena fare così tanti chilometri e sacrificare così tante ore di sonno.
Cinque giorni dopo risaremo in Lombardia per altri tre concerti di cui vi parlerò più avanti….

Scritto da Matte Bottlerocket

Foto di Amanda Milan


Commenti (1)

  1. Dem ha detto:

    Peccato fossimo in pochi a conoscere i Caves e che abbiano suonato così poco. Comunque è frontgirl/chitarrista 🙂

Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: