THE LOCUST: Plague Soundscapes

THE LOCUST: Plague Soundscapes
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
LoadingAggiungi ai preferitiAggiungi ai preferiti!Consulta la tua lista degli articoli preferiti        

THE LOCUST: Plague Soundscapes

“Il suono è una specie di metafora del pensiero umano, e nella società capitalistica contemporanea postmoderna, la nostra musica è una riflessione su come il cervello dovrebbe funzionare allo scopo di sopravvivere: rapidi cambi di tempo, risoluzione velocissima dei problemi immediati e un tocco di bizzarria per fare combaciare il tutto”. Justine Pearson.
Non esiste miglior summa dell’ultimo lavoro della band di SanDiego,CA che esce per la Anti/Epitaph Rec. dopo un considerevole numero di EPs usciti su varie indipendenti americane. Già, una major di mainstream: orrore per i fans che li maledicono, delusi e gelosi della scena underground etc.
A ognuno le sue convinzioni… L’idea della band nasce intorno al 1995 dalle ceneri dei Swing Kids e dei Struggle e da allora la formazione ha avuto non pochi cambi e ricicli. Nel passato, anno calcato le vie del grindcore per arrivare fino a noi con questo nuovo disco: incidenti stradali, lamiere accartocciate, sirene di allarmi impazziti, e una voce che ricorda le arpie mitologiche. 23 pezzi in 20 minuti: per darvi un’idea, ci si mette più o meno lo stesso tempo a leggere e capire il titolo di una canzone, che ad ascoltare la suddetta.
Mi tornano alla mente i Napalm Death, ma, invece che metal, i suoni sono punk, post-rock. Mettono in fila riff spaziali di due secondi e urla notturne da mutanti postatomici, che strisciano in fogne di elettronica disumana.
I ritmi in generale sono frenetici, i pezzi istantanei – di solito al di sotto del minuto – brutalmente ultraviolenti e inzuppati di rumori fantascientifici e tastiere da invasione degli insetti giganti (oltre a basso, chitarra e batteria, Joseph Karam è addetto a sinths e modulistica).
Un disco scomodo e apocalittico, immediato e indigesto. Dal vivo al Bloom di Mezzago questo sabato 20 settembre, e il 21 a Bologna. Non so che altro dirvi: questo è il presente, anche se qualcuno lo considera ancora il futuro…

Web: www.thelocust.com (sentite il loop che vi accompagna mentre navigate!!!)
Track list:
1-Recyclable body fluids in human form; 2-Identity exchange program rectum return policy; 3-Solar panel asses; 4-Live from the russian compound; 5-Earwax halo manufactured for the champion in all of us; 6- Wet dreams war machine; 7- Listen, the mighty ear is here; 8-Who wants a dose of the clap?; 9-Teenage mustache; 10-How to become a virgin; 11-Anything Jesus does I can do it better; 12-Late for a double date with a pile of atoms in the water closet; 13-File under soft core seizures; 14-Practiced hatred; 15-Psst! Is that a halfie in your panties?; 16-The half-eaten sausage would like to see you in his office; 17-Pulling the christmas pig by the wrong pair of ears; 18-Can we get another nail in the coffin of culture theft?; 20-23 lubed up schizophrenics with delusions of grandeur; 21-Captain Gaydar it’s time to wind your clock again; 22-Priests with the sexuality trasmitted diseases get out of my bed; 23-Pickup truck of forty minutes


Condividi questa pagina!  

Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
oppure   Accedi con facebook
o compila i seguenti campi:





Aggiungi un’immagine al tuo commento >