THE VALENTINES

THE VALENTINES
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!

Minimale ma intensa intervista, piena di contenuti e spunti per poter approfondire la storia di questa Punk’n’Roll band che da Bologna ormai ha invaso le case di molti e anche la mia.

Se non avete ancora “No Time generation” allora vi consiglio di procurarvelo perchè è uno di quei CD che rientrano nei primi 10 di questo 2003 e personalmente, insieme ad STP, Peawees, Hormonauts, Manges, Chronic, Rude pravo, li reputo tra le TOP R’n’R band che resteranno negli annali.

Credo che sia una bella cosa avere nella Band qualcuno che ha vissuto la storia e la vive comunque tuttora ed a questo punto passo la palla a Mars per chiedergli che effetto gli fa avere nuovamente una Band affiatata e decisamente sopra la media, raccontaci (se vuoi) la tua storia…o parte, so che è molto lunga.

 

MARS: Magari non interesserà a molti una lista di nomi ai più sconosciuti, comunque ho iniziato con la mia prima band (gli SKRAMBLED n.d.a.) nel 1982, eravamo in pieno periodo post-punk e ci muovevamo tra  Ramones, Killing Joke e Joy Division. Peccato che le poche registrazioni sembrano ormai “missing”.

Poi vennero i TRIBAL NOISE che avevano un grande culto in città ma anche qua 2 demo e un singolo registrato ma mai uscito.

Nel 1989 esce “So Wild” un sette pollici dei LOVELESS: mischiavamo Gene Vincent con i Clash.

Anche qua un album non terminato e ultimi gloriosi concerti in Francia.

Poi arrivano gli anni ’90 e comincia un po’ l’oscuro: era il momento in cui il rock italiano sembrava sul punto di esplodere a livello mainstream e così con i MALAVIDA! comincia un periodo un po’ contrastante: grandi aspettative, ottimo seguito, tour, 1 CD ma….il niente.

Il gruppo si scioglie un po’ nell’indifferenza e 3/5 formano gli HONG KONG 99, un ritorno al punk-rock, al Detroit sound. Un sette pollici E.P. “La 25ma ora”. Un altro registrato e mai uscito e poi… la tragedia: Stefano Cervellati bassista negli HK 99, mio migliore amico muore in un incidente.

Penso che sia arrivata la fine per quel che mi riguarda col punk rock e poi quando meno me lo aspettavo……The Valentines.

Per quel che mi riguarda è stato uno degli incontri più importanti della mia vita.

Con la scomparsa di Stefano si è chiusa una parte della mia vita e non potevo pensare di fare progetti con nessuno dei miei coetanei, si era chiuso un ciclo.

Avere avuto la fortuna di trovare persone così talentuose e così giovani mi ha portato a realizzare progetti e ottenere soddisfazioni che mai avrei pensato in vita mia.

Mi hanno definitivamente rigenerato e dato fiducia.

 

 

La scena Bolognese è piu’ ricca che mai nonostante i detrattori si danno da fare per distruggere quello che di buono e con MOLTA fatica si costruisce giorno per giorno, parlateci della scena bolognese e della vostra scena in particolare ma visto che JJ e Mars bazzicano anche altre rotte Musicali mi piacerebbe sapere anche da loro come gira sugli altri versanti.

 

MARS: Sulla scena in una città c’è sempre qualcuno che ha qualcosa da dire.

Ormai non mi sbilancio più perchè ogni volta che dico qualcosa magari vengo smentito dai fatti.

Un’anno fa dicevo che era molto viva, adesso mi sembra un po’ più stagnante ma in realtà non posso dire che sia cambiato qualcosa in particolare.

I miei preferiti a Bologna ora? The Chronics, Forty Winks, The Tunas.

JJ:Bene o male a Bologna abbiamo un buon rapporto con tutti i gruppi, non è raro trovarsi a dividere una birra con gente di varie bands ai concerti o nei locali. Bologna ha comunque delle bands valide anche al di fuori del giro punk rock /rock ‘n’ roll (vedi oi, emo, hc)

 

Quando un mega festival PUNKROCK di quelli veri a Bologna? prove di trasmissione sono state fatte durante l’ultimo independent nella tenda Estragon…credete sia possibile una mega festival tipo Holiday in the Sun dedito al R’n’R in una citta’ come Bologna?

 

MARS: In realtà un approccio c’era già stato l’anno scorso con il BANZAI 2002 il 31 dicembre.

Volevamo organizzarlo anche quest’anno, ma incomprensioni organizzative l’hanno fatto spostare in avanti. Non disperiamo di farlo in primavera, anche se Bologna non mi sembra sia molto orientata al punk-rock ora.

 

  

Nessuna domanda politica sulla vostra e nostra citta’…ma se volete fate pure, sono certo che da dire ne avete.

 

MARS: A livello nazionale e locale posso solo dire una cosa: pensavo che la destra fosse pericolosa e insopportabile ma mai avrei immaginato così tanto.

Anche se dall’altra parte vedo buio.

 

 

Droga Sesso e R’n’R…e chi dice che non è vero allora mi dispiace ma non è di questo mondo…voi come vivete questo motto? Io ormai vivo solo di R’n’R ma voi non ci credo…allora?

 

MARS; Una delle più belle cose dei Valentines è la sobrietà. Il motto Sesso, Droga & R’n’R ha ed ha avuto sicuramente il suo fascino, ma il mondo musicale di oggi, a tutti i livelli, non te lo permette. Se diventi un problema sei out, anche se ovviamente non siamo dei santi!

 

 

The Valentines è sicuramente piu’ che un progetto musicale, credo che il rapporto di Amicizia che c’è tra voi è fondamentale per andare avanti, quali sono stati e quali sono i vostri punti di riferimento musicali e di ritrovo sia in Bologna che nel mondo?

 

MARS: Le sale prova di Steno (Nabat!!!), il Covo Club, Scandellara, l’Estragon, ecc.

JJ: Le sale prove di Steno sono oramai una seconda casa e IL punto di riferimento! Suonando anche con Steno e Laida Bologna Crew e ogni tanto con Bank Robbers (Clash tribute band con Mars e membri di Rude Pravo) mi ritrovo ad essere lì almeno 3 sere a settimana! 

 

  

Locali, che croce, trovare da suonare, sbattersi…a parte voi che vivete nella citta’ piena di Club piu’ o meno asserviti alla Musica come vedete la situazione dei music Club italiani? Visto che avete visuto la storia Americana fateci una analogia.

 

MARS: Negli USA la musica è ovunque, in Italia la musica è considerata rumore

 

 

 

Breve ma intensa, volutamente poco puntata sul nuovo lavoro ma sulla scoperta della Band e della sua storia.

Per contatti: govalentines@libero.it ; press@treaccordi.com

Termino consigliandovi di procurarvi “No Time generation” e non perdetevi i loro Live

 

13/12/2003  Covo Club @ Bologna

27/12/2003  Transylvania @ Reggio Emilia

13/03/2004  Arci Taun @ Fidenza (PR)


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: