PUNKADEKA FESTIVAL 25th Anniversary

BABBLIN’ ON AND ON: A tribute to Faster Pussycat

Chissà quanti lettori di Punkadeka conoscono i Faster Pussycat…forse giusto i più vecchi, e quelli più metallusi.
Comunque i FP furono una band glam che a fine anni ’80 sfornò due dischi che ancora oggi sono considerarti capolavori nel loro genere…la band capitanata da Taime Down non faceva però un Glam metallone come quelli dei Wasp o dei Motley Crue, ma una roba un po’ più sleazy e punk tipo primi Guns and Roses.
Oggi Rocketman Records e Blame it on Mom music fanno uscire questo doppio tributo alla band, dedicato alla memoria del Dj e organizzatore di concerti Mauro “Boyler” Mazzoli venuto a mancare un paio d’anni fa.
20 pezzi tra glam, punk e rock’n’roll,  si parte subito alla grande: Lester che fa “Bathroom wall”, che a distanza di 35 anni sembra un pezzo scritto apposta per lui.
Altro pezzo da 90 è “Lied your way to heaven” rifatta in italiano da Vinnie Borawski, che diventa “Il gioco delle iene”, con sfumature molto Gerson. C’è anche spazio per la reunion di una band che qui su Punkadeka non dirà granchè, ma che ha fatto la storia della scena glam italiana: i Crackhouse, riuniti per l’occasione per suonare “Smash Alley” in maniera super fedele, ascoltandola sembra di fare veramente un tuffo negli anni ’80.
Poi ci sono gli Armed Venus…che posso dire? Sono la band post-Bastet di Pacino, io già ogni volta che sento la sua voce mi commuovo (Come dice quello? “Non ce la faccio…troppi ricordi!”) , poi con un pezzo maliconico come “Nonstop to nowhere” i lucciconi sono praticamente obbligatori. L’onere di fare “Babylon” tocca ai Brokendolls, che sono dei grandi, purtroppo Babylon è uno di quei pezzi perfetti già in origine, che se ne fai una cover non puoi cambiare troppo (a parte il testo)…i Brokendolls ne escono abbastanza bene ma è praticamente impossibile sbagliare sta canzone.
L’elenco delle band presenti è un riassunto di (quasi) tutte le band che hanno movimentato la scena Glam italiana dai primi ’00 in poi, c’è anche la “nostra” Lizi and the Kids che punkeggiano “Tattoo”.
Niente, lo trovate in streaming nei soliti posti: youtube, spotify ecc…se non conoscete i Faster Pussycat fateci un salto e sicuramente troverete qualcosa per voi qui dentro, se li conoscete fateci un salto e sentite che figata hanno tirato in piedi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Rimani aggiornato con tutte le news direttamente nella tua inbox!

Iscriviti alla newsletter, inserisci la tua email:

Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03) NO SPAM! Potrai disiscriverti in qualisasi momento.

Previous Article

THE DWARVES: nuovo album in streaming

Next Article

BANDA BASSOTTI a Radio città Fujiko

Spotify Playlist
Potrebbe interessarti..
LEGGI TUTTO

THE PONCHES: Hum

E’ uscito per One Chord Wonder e Monster Zero Records “Hum”, il nuovo disco dei torinesi Ponches. Attendevo tantissimo…
Total
0
Share

Cosa aspetti?

Rimani aggiornato con tutte le news di Punkadeka.it direttamente nella tua inbox!

Inserisci la tua email


Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03)
NO SPAM!
Potrai disiscriverti in qualisasi momento.