Fred Lee & The Restless: l’intervista esclusiva per Punkadeka!

In collaborazione con Gab De La Vega ed Epidemic Records, pubblichiamo in esclusiva per Punkadeka l’intervista a Fred Lee & The Restless!
Dopo aver suonato in band punk e hardcore, Fred Lee, agitatore della scena svedese, debutta con il suo nuovo album “Sleepwalking In Daylight”, spostandosi su una commistione di folk e punk sincera e diretta. Abbiamo fatto una chiacchierata con Fred!


Come sei finito a scrivere canzoni per questo progetto dopo aver suonato punk e hardcore per una vita? È stata una cosa casuale o più un’urgenza più ragionata?

Beh, è stata più una cosa casuale. Avevo dei testi che erano stati fatti per la mia band punk Sista Brytet, in inglese.
Stavo andando a Stoccolma in treno nell’estate del 2019 e all’improvviso, quando ho ascoltato il disco di BIlly Liar “Some Legacy”, ho capito che avrei fatto un album solista.
Dopo quel viaggio, ho preso la mia chitarra acustica, mi sono seduto e ho fatto alcune canzoni. Mi piace il folk punk e volevo avere quel feeling nelle canzoni.
Da quando ero piccolo ho sempre ascoltato Springsteen e Motown, così ho cercato di creare un puzzle con i pezzi musicali che avevo disposizione. Non sto dicendo che ci sono riuscito, ma quello era il mio punto di partenza.

Quali riferimenti punk possiamo trovare nella vostra musica e quali atti non-punk influenzano il vostro sound? Sentiti libero di essere onesto, siamo tutti di mentalità aperta qui!

Bella domanda, nei testi ci sono molti riferimenti diversi ma devi capirli da solo. Musicalmente, probabilmente mi appoggio di più al punk rock più casual come The Menzingers, Billy Liar, The Distillers e naturalmente i Rancid. 
Probabilmente non direi che c’è molto Hardcore, musicalmente, nelle mie canzoni.
Una band che mi ha influenzato molto è la Lost Dogs Street band, forse non si sente nel disco, le loro canzoni, quasi tutte, sono assolutamente fantastiche. Sono probabilmente il più grande fan del mondo di Benjamin Tod, e mi piacerebbe vederli dal vivo qualche volta.
Se non li avete ancora visti, fatelo immediatamente.
Anche Frank Turner e Brian Fallon sono stati grandi fonti di ispirazione, e anche Emmylou Harris.
Poi è la vita stessa che mi ha ispirato, sia positivamente che negativamente. Si tratta, dopo tutto, di testi piuttosto personali quelli presenti sull’album che ho pubblicato.

Ti sembra di ricominciare tutto da capo dopo aver fatto molti concerti con i tuoi progetti hardcore punk?

Sì, è così che mi sento. Ho suonato con Sista Brytet per circa 10 anni, ma non abbiamo sfondato o attirato molte persone ai nostri concerti. Potremmo parlare dei Totalt Jävla Mörker che erano la mia “grande” band, ma sono passati 12 anni da quando abbiamo pubblicato l’ultimo album. Non ho mai suonato nemmeno con una band ottima come The Restless, sarebbe molto divertente andare in tour un giorno. Forse dopo che la pandemia sarà finita, spero.

Perché il tuo album di debutto si chiama “Sleepwalking in Daylight”? E perché la vostra band di supporto si chiama “The Restless”?

L’album si chiama così perché di tanto in tanto per circa 15 anni ho avuto problemi di sonno e la gente mi chiede se sono sempre sveglio. Mi sembra di potermi addormentare in qualsiasi momento.
Prima di iniziare a scrivere le canzoni, avevo già pronto il nome della mia band di supporto. Ho chiamato alcuni musicisti con cui volevo davvero suonare ma coi quali non l’avevo mai fatto prima, le condizioni erano che dovevano solo essere coinvolti e suonare nel disco, poi se volevano essere coinvolti in futuro, sarei stato semplicemente felice.
Ho considerato alcuni nomi di band ma la mia ragazza ha detto che io che sono così irrequieto dovrei chiamare la band The Restless. S’addice bene.

Quali sono alcuni gruppi punk svedesi che consigli di ascoltare?

Dato che gestisco anche una piccola etichetta discografica, ti consiglierei di ascoltare Sekunderna, Twin Pigs, Sista Brytet (la mia band) ma anche Ditches, Svart Katt, Lastkaj 14, Stilett e naturalmente Asta Kask.

Conosci qualche band o artista italiano? Quale ti piace di più?

Avevo una band indie rock a metà degli anni 2000 chiamata Royal Downfall, eravamo in tour con una band italiana chiamata Raein. Erano bravi, ma devo ammettere che sono troppo scarso con la musica italiana. Dammi qualche suggerimento e andrò a sentire, è sempre bello scoprire nuova musica.

Quali sono i testi a cui ti senti più legato nel tuo disco? Perché?

È difficile da dire, mi piacciono tutti ma in modi diversi. Alcuni sono più delle storie mentre altri sono presi direttamente dalla realtà. Se devo scegliere, vado per “These times are so fuckin dark”. Un testo che ho scritto nel 2019 prima della pandemia ma che credo abbia più significato ora. Un po’ come mi sento anche io in questo momento, senza energia e volontà.
Poi mi piace The Weight On My Shoulders. È presa direttamente dalla realtà e descrive come il punk mi ha plasmato come persona. Mi piace anche questa canzone, è un po’ “up-tempo”.

Cosa vorresti che la gente ricordasse del tuo album di debutto tra vent’anni?

Haha, spero che qualcuno si ricordi che ho pubblicato un album tra vent’anni. Sarebbe già una vittoria!

Sentiti libero di dire tutto quello che vuoi ai nostri lettori e lettrici!
Ascolta Sleepwalking in Daylight, se ti piace, puoi ordinare una copia a casa. Questo significherebbe molto! Ricordatevi di parlare e ascoltarvi l’un l’altro, e non cedete ai nuovi movimenti fascisti che cominciano a rafforzarsi. Solidarietà e giustizia per tutti. Baci e abbracci!

LINK ALL’ALBUM:
Streaming: https://fredleeandtherestless.bandcamp.com/album/sleepwalking-in-daylight

Facebook
Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Rimani aggiornato con tutte le news direttamente nella tua inbox!

Iscriviti alla newsletter, inserisci la tua email:

Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03) NO SPAM! Potrai disiscriverti in qualisasi momento.

Previous Article

THE DISTILLERS: live album fuori per Rise Records

Next Article

IMPOSSIBILI: Tra Sogno e Realtà

Potrebbe interessarti..
I prossimi concerti
Total
11
Share

Cosa aspetti?

Rimani aggiornato con tutte le news di Punkadeka.it direttamente nella tua inbox!

Inserisci la tua email


Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03)
NO SPAM!
Potrai disiscriverti in qualisasi momento.