Punkadeka.it Questionario

MEDIUM BEER “Fuori Luogo”

Anni di lotte e militanza e poi non abbiamo imparato nulla: invece di tutelare la nostra prole e le nuove generazioni, abbiamo iniziato a mettere i djset trash dopo i concerti punk nei centri sociali.

Ed ora ne paghiamo le conseguenze, come dei redneck qualunque che si scopano le proprie cugine e poi nascono dei figli scemi.

Questo lo dico per sottolineare il mio forte sospetto riguardo i Medium Beer, che temo essere i figli un po’ ritardati delle nostre scelte scellerate…

I riferimenti continui alla genitorialità non sono però casuali, perché potrebbero davvero essere i figli di molti di noi. I più vecchi sono classe ’99, mentre il batterista portava ancora il pannolone mentre noi in strada cantavamo “Poo po po po po poooo poo”.

Tanto per dire…

I ragazzi, orginari della stessa brianza che diede i natali ai Water Tower, ci ripropongono un punk rock in levare di chiara matrice street e rigorosamente cantato in italiano.

Nelle loro canzoni troviamo tutto:

ritornelli che sono cori da corteo, antifascismo, odio per le divise, cuori (e nasi) spezzati e alcolismo molesto.

Il remake di “CamminerOI” é la sintesi perfetta del loro credo, anche se le mie preferite sono sicuramente “Sticker Battle” e “Skinhead”.

Nella prima raccontano delle loro lotte cittadine a colpi di adesivi contro il fascismo, mentre la seconda suona come una bella favoletta in cui un bambino a scuola racconta alla maestra che NO!, lui da grande non vuole fare l’astronauta o il pompiere, LUI DA GRANDE VUOLE FARE LO SKINHEAD!

Leggendo la tracklist, tra le 9 tracce saltano poi all’occhio una collaborazione con Sal dei Viboras ed una cover di Sharp dei Los Fastidios.

La tecnica c’è, l’entusiamo e l’attitudine anche.

E la voglia di far casino è schifosamente alta.

Non inventano nulla (d’altronde è punk, nessuno inventa nulla dal 76), ma rubano sapientemente. Avventurandosi anche al di fuori dei canoni del genere di riferimento.

Funzionano e portano quella dose di freschezza e ottimismo giovanile che manca a noi vecchi e stanchi punk.

I ragazzi si faranno, e nell’attesa io resto a guardare il cantiere della loro evoluzione brontolando, lamentandomi e giudicandoli. Niente scappellotti però, perché le nuove teorie educative sono contrarie alla violenza sui bambini.

Questa loro prima fatica vede i natali in data 13/12 (anno domini 2021) e ci tengono a far presente che è stato tutto registrato e mixato da loro nelle loro camerette, in pieno spirito D.I.Y. Con risultati soddisfacenti, aggiungo io.

Vorrebbero inoltre ringraziare gli amici che hanno partecipato ai cori…cori a cui io però non sono stato invitato, motivo per cui sento in lontananza del borbottio che preannuncia un imminente cazziatone…

***

https://instagram.com/medium.beer_ska

https://youtube.com/channel/UCWYIATwnjve1YCG4EQQ7MMg

Grafiche by https://instagram.com/gianfranncesco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Rimani aggiornato con tutte le news direttamente nella tua inbox!

Iscriviti alla newsletter, inserisci la tua email:

Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03) NO SPAM! Potrai disiscriverti in qualisasi momento.

Previous Article

BOUNCING SOULS in studio a gennaio 2022

Next Article

LARRY LIVERMORE ci racconta "Keplunk" dei GREEN DAY

Spotify Playlist
Potrebbe interessarti..
LEGGI TUTTO

MAN RAZE: Surreal

I nomi di Phil Collen e Robert Laffey ai lettori di Punkadeka non diranno molto, maprobabilmente quello di…
I PROSSIMI CONCERTI
Total
120
Share

Cosa aspetti?

Rimani aggiornato con tutte le news di Punkadeka.it direttamente nella tua inbox!

Inserisci la tua email


Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03)
NO SPAM!
Potrai disiscriverti in qualisasi momento.