Quattro chiacchiere con Mike Noegraf

Foto di NHL87photo

In occasione del nuovo tour che partirà questa domenica, abbiamo raggiunto il cantautore folk acustico dallo spiccato background punk rock, Mike Noegraf per un’intervista a tutto tondo.

Ciao Mike! Benvenuto su Punkadeka! Un vero piacere averti qui con noi!

Piacere tutto mio!

Allora… Cominciamo con una piccola presentazione… Chi è Mike Noegraf?

Sono nato e cresciuto vicino alla città di Lione/Francia e sono padre di due ragazzi meravigliosi. Ho avuto la mia prima chitarra a 14 anni e immediatamente ho formato una band con altri 3 ragazzi, seppur nessuno di noi avesse mai suonato uno strumento prima (io in realtà sono un musicista autodidatta). Ho conseguito il diploma di tecnico del suono e poi quello di insegnante di chitarra al conservatorio! Poi, quasi 10 anni fa, dopo aver suonato in diversi gruppi punk e rock ed esser stato in tournée all’estero, ho deciso di prendere in mano la mia chitarra acustica e concentrarmi sulla scrittura delle mie cose personali.

2) Siamo abituati a vederti come cantante solista, non hai mai pensato a formare una band?

In realtà ho una versione completa della band di questo progetto. Siamo 6 persone. Tre anni fa, ho ingaggiato dei miei buoni amici (e anche dei grandi musicisti) per suonare l’intero disco “No time for seasons” per la sua festa di uscita. Poi abbiamo fatto alcuni spettacoli insieme in Francia e Spagna. È stato un momento fantastico. Andiamo davvero d’accordo. Penso di continuare a fare tour in quel modo e suonare più spettacoli con la band completa, ma la situazione sta soffocando la mia volontà…

3) Hai collaborato e condiviso il palco con molti artisti, c’è qualcuno con cui sei più legato?

Potrei parlare di 4 ragazzi che amo davvero e a cui mi sento vicino, ma sono molto di più.

Yotam Ben Horin degli Useless ID. Abbiamo girato molte volte insieme ed è sempre un piacere passare del tempo con quest’uomo. Siamo connessi su un sacco di cose e siamo sempre in contatto su come trascinare la nostra carriera, su quale sia la chitarra più grande, sull’amore e sui sentimenti. Ho questa sensazione che entrambi ci rispettiamo veramente l’un l’altro come musicisti e come persone ed entrambi parliamo con onestà l’uno con l’altro. Adoro questo tizio.

Poi adoro Joe Mc Mahon, degli Smoke or fire, che ha prodotto il mio secondo disco. All’epoca, quando gli Smoke or Fire pubblicarono il loro primo disco su Fat Wreck, devo ammettere che si rivelò una delle mie band preferite di sempre (con i No use for a name). Abbiamo fatto un tour una volta insieme e probabilmente lo faremo di nuovo l’anno prossimo con Yotam (che squadra da sogno!) Joe e io abbiamo passato ore a discutere di vita, genitorialità, religione, è un tipo così intelligente e aperto con una tale grande cuore!

Il terzo che amo moltissimo è Tim Van Doorn della Big Dog Recordings che ha sede nella zona di Anversa (Belgio). Come i due ragazzi prima, è una delle persone più talentuose con cui ho avuto la possibilità di lavorare. Come musicista, come tecnico del suono, è come una bomba a orologeria (riferimento alla sua band preferita Rancid). Tanto talentuoso quanto gentile e intelligente. Questo tizio è un genio per me.

Ci sono altre persone che vorrei nominare perché sono molto importanti per me: mio fratello dal Regno Unito, Brightr. Abbiamo fatto un giro insieme diverse volte ed entrambi abbiamo lo stesso modo di vedere la vita. È così bravo a suonare musica che devi assolutamente dare un’occhiata alle sue cose. Quest’uomo è sempre stato lì durante i miei tempi bui come promemoria e come angelo sulla mia spalla.

L’ultimo di cui vorrei parlare è il mio caro fratello dalla Russia Roma Wreckman. È il ragazzo con cui ho davvero iniziato a girare 10 anni fa.

4) Più di 500 spettacoli in 20 paesi diversi… Alcuni dei posti più particolari in cui hai suonato?

Sì, ho alcuni posti che sono rimasti impressi nella mia mente per sempre come il castello di Dracula in Romania, come la piazza rossa di Mosca, come suonare due volte al Bayfest (è stato davvero fantastico per me) inoltre ho suonato qui a Lione in un club  dove ero solito vedere molte band e artisti famosi esibirsi dal vivo. In realtà ci sono molti posti e spettacoli che ho davvero amato. Riguarda più le persone che ho incontrato lì dentro, ma c’è ne sono anche di molto brutti che con il tempo si sono trasformati in ricordi divertenti.

5) La pandemia ha rallentato l’attività live. Come hai vissuto il dover stare fermo nel 2020?

Cavolo, è stato un tale casino. Stavo per lasciare il mio lavoro per suonare a tempo pieno e avevo circa 40 spettacoli tra marzo e luglio, poi è scoppiata la pandemia. Ho cancellato tutto e sono tornato al lavoro (ahahah). Ho mantenuto il mio lavoro fino a pochi mesi fa, poi finalmente ho lasciato e sono tornato sulla strada. Vivo in campagna, in un villaggio. È una vita abbastanza sicura e bella lì tra polli e gatti, tuttavia, è stato davvero difficile rimanere produttivi. Nel frattempo comunque ho pubblicato il nuovo disco con SBÄM Records, No Reason Records e Bearded punk Records a dicembre: hanno fatto tutti un lavoro fantastico (soprattutto Sbäm per promuoverlo in digitale). Non vedevo davvero l’ora di suonare questo disco dal vivo e difenderlo in viaggio, ed è stato davvero frustrante non essere stato in grado di farlo prima e comunque non nel modo in cui l’avevo immaginato. Ora sto lavorando duramente per mettermi in viaggio il prima possibile e scrivere il prossimo capitolo della mia vita (e anche il mio prossimo disco). Ho deciso di tornare alla musica a tempo pieno e tornare a quello che so suonare di più: la chitarra elettrica. Sono tornato a insegnare chitarra, inoltre registro cose a casa (la mia canzone e alcuni arrangiamenti/produzione in vari stili di musica). Produco e registro ogni tipo di musica in ogni stile, quindi contattami se volete lavorare con me!!! Sono impegnato ma felice!

6) Com’è stato ritrovarsi a suonare da casa con un pubblico virtuale e senza il “calore” di club vero?

In realtà è stato davvero bello vedere che le persone erano ancora molto interessate a questo progetto, anche se la mia connessione a Internet qui è davvero pessima. In realtà è stato un buon esercizio per migliorare le mie capacità su Internet e sui social media (Ahahah.. non sono mai stato molto bravo in questo).

7) A fine 2020 è uscito “Outrospection”: l’album è frutto del lockdown o era già previsto?

No, questo disco è stato registrato, mixato e masterizzato prima della pandemia. Tutto il processo intorno a questo disco è stato duro. Mi ci è voluto un po’ anche per realizzare l’artwork (dato che ho deciso di farlo tutto da solo). Poi ho inviato il disco alle etichette, in realtà non è stato facile trovarne una finché Yotam non mi ha consigliato di inviarlo a Sbäm. Con Stefan (The boss), abbiamo parlato di rilasciarlo a dicembre (sperando che le cose andassero meglio presto).

8) Cosa troviamo nel tuo ultimo album?

Canzoni? Ahahah

Beh, è ??un disco davvero intimo. Ho scritto molto sui miei familiari, le loro storie, i loro dubbi, le loro perdite, le mie paure, la mia vita passata, l’ansia, la depressione e la profonda malinconia con cui convivo da quando sono nato. È come se tutto parlasse di storie vere. Volevo trasformare il disco in qualcosa di diverso dalla sola musica folk. Volevo scavare nella riflessione sugli arrangiamenti e sul peso che potevano dare ai testi. Con Tim, siamo passati a qualcosa di più pop con un tocco di “electro”. Non è il disco più divertente di sempre, ma è sicuramente il più vero.

9) Dopo il mini tour estivo, sarà il primo vero tour per il nuovo album. Aspettative?

Si lo è. Comunque non vado più per corse troppo lunghe. Non mi aspetto altro che piacere e pizze!!! Sono davvero entusiasta di poter tornare a vedere vecchi amici e fare nuove amicizie. Ancora di più dopo aver passato un anno e mezzo solo a mettersi in contatto sui social.

10) Ad accompagnarti in questo tour italiano Tommaso dei Girless (& The Orphan). Cosa ci dici di lui?

Ci siamo conosciuti molti anni fa. Amo la sua musica e mi piace molto il ragazzo. Ci siamo subito messi d’accordo e abbiamo pensato di fare un tour insieme. Si è impegnato molto per realizzare questo tour. Mi sento davvero grato e non vedo l’ora di vederlo dal vivo ogni sera con in braccio la sua bellissima Gibson Dove!

11) Oltre alle nuove e vecchie canzoni, ci saranno nuove anteprime per il pubblico italiano?

Sai tenere un segreto?

Beh, c’è una canzone nuova di zecca che penso forse suonerò in questo tour. Una canzone registrata e mixata da me a casa, masterizzata da Tim van Doorn, che uscirà questo inverno per la nuova compilation acustica di Inconsapevole Records del mio buon amico Matteo Caldari dei 7 Years.

12) Immaginiamo che il 2022 ti vedrà impegnato in tour. Hai già in programma date?

Niente di pianificato ancora ma solo pensieri. Sto per andare allo SBÄM e suonare nel loro ufficio, in più suonare allo Sbäm Fest sarebbe davvero fantastico (forse con la band completa). Ci stiamo lavorando. Mi piacerebbe fare gli Stati Uniti e il Regno Unito (con Brightr) l’anno prossimo e provare ad andare ai confini dell’Europa (Grecia/Svezia…)

13) Dove speri di suonare o tornare a suonare?

I festival sono fantastici per artisti come me. È un ottimo modo per farsi conoscere. Quindi Brackrock, Bayfest e Sbäm fest sono i luoghi in cui vorrei andare o in cui tornare. La cosa più bella sarebbe fare di nuovo un tour con Yotam e Joe (questo è il mio obiettivo per il 2022!!!) per un mese in Europa e poi andare con loro negli Stati Uniti!

14) Ricordiamo intanto le tue date in Italia.

Certamente:

Domenica 24 Ottobre : Milano – Secret Place (Contattami sui social, se volete venire)

Lunedì 25 Ottobre Livorno – Piano B-Craft Bar

Martedì 26 Ottobre : Roma – Wishlist cafè

Mercoledì 27 Ottobre : Bologna – Circolo Dev

Giovedi 28 Ottobre : Rimini – Bar Lento

Venerdì 29 Ottobre : Montone (PG) – Chiesa di Santa Caterina

Sabato 30 Ottobre: Rolo (RE) – Rock in Rolo unplugged (Early Gig)

Sabato 30 Ottobre : Montichiari (BS) – Monamì 

Domenica 31 Ottobre : Lione (F) – Kraspek (*senza Tommaso dei Girless)

15) Per l’ultima domanda ti lascio spazio libero…

Grazie mille! Bhe… Non vedo l’ora di vedervi in tour. E per favore, fatevi un regalo e venite a parlare con me allo spettacolo! Questa è in realtà la cosa più importante per me, condividere pensieri, sorrisi e abbracci con le persone.

Grazie Mille per l’interivista!

Grazie Mille a te Mike! Non mancheremo all’appuntamento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Rimani aggiornato con tutte le news direttamente nella tua inbox!

Iscriviti alla newsletter, inserisci la tua email:

Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03) NO SPAM! Potrai disiscriverti in qualisasi momento.

Previous Article

NO MORE LIES: cambio di formazione

Next Article

The Rumjacks + Svetlanas al C.S.A. Baraonda (Segrate)

Potrebbe interessarti..
I PROSSIMI CONCERTI
Total
24
Share

Cosa aspetti?

Rimani aggiornato con tutte le news di Punkadeka.it direttamente nella tua inbox!

Inserisci la tua email


Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03)
NO SPAM!
Potrai disiscriverti in qualisasi momento.