SHANDON vs HEADLONG: Split Competition Vol.1

Interessante ed utile l’idea dell’Ammonia di una “split competition”, che nel primo volume vede scontrarsi i nostrani Shandon ed i tedeschi Headlong.Recuperando un mezzo vecchio quanto il punk, lo split appunto, l’Ammonia sta cercando di aprirsi la strada verso il mercato estero, cercando contemporaneamente di promuovere quei gruppi ingiustamente sottovalutati in Italia. Logico quindi che a iniziare la “lotta” siano, tra gli italiani, proprio gli Shandon, oramai decisi a farsi apprezzare in Europa dopo i più che lusinghieri riscontri che stanno avendo qui da noi. I cinque brani cheOlly e soci ci propongono qui, usciti dalle stesse session del recente “Not so Happy to Be Sad”, dimostrano il felice momento creativo della band, che ormai ha nel suono echi lontani dello ska-core degli esordi, trituratoinsieme a mille altre sonorità per far venire fuori brani quali “Revenge” e “Seven”, sicuramente più di buone canzoni. Anche gli Headlong si dimostrano all’altezza, punk rock di maniera ma di discreta fattura, con un cantato convincente e strutture mai troppo evolute ma d¹impatto. Non credo però sia qui campanilistico affermare gli Shandon hanno la meglio sui rivali, schiacciati da una creatività superiore e da una maggiore varietàstilistica, anche se bisogna dare atto ai tedeschi di farsi ascoltare più che volentieri, “Free to Be” in testa. Insomma, va dato atto all’Ammonia diaver fatto un buon lavoro, sperando che i prossimi volumi della serie -imminente lo split Madbones / I Against I- riescano a mantenere alto il profilo dell’operazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Potrebbero interessarti anche ...