PUNK IN DUBLIC : Emergency Broadcast Sound System

a cura di Antonio Nevone

Vengono dal Canada, fanno un Dub-Reggae solido e ben suonato. Cosa ci fanno sulle pagine di una Punk Rock Webzine, vi chiederete? Beh in realtà il nome della band non dovrebbe lasciare troppo spazio ai dubbi: Punk in DUBlic è un gioco di parole proprio tra il titolo del classicone dei nofx datato 1994 e il genere “DUB” per l’appunto.


Nasce tutto circa un anno fa, attorno alla figura di Jeremy Costa, talentuoso produttore e musicista DUB di Montreal, Quebec. Affascinato da quanta complessità melodica ci sia dietro i pezzi apparentemente semplici di Fat Mike e soci, il buon Jeremy ha l’idea di formare una band dedicata a suonare cover dei Nofx in chiave DUB-Reggae, il suo genere, coinvolgendo alcuni tra i migliori musicisti con cui aveva avuto occasione di collaborare in passato. Nasce il progetto “Punk in DUBlic”.

Questo loro primo full-lenght “Emergency Broadcast Sound System” è stato prodotto e mixato proprio dallo stesso Costa e propone un Dub-Reggae old school di livello. Il classico vibe da Sound System c’è tutto, e fuso con le melodie e i testi dei Nofx crea un contrasto affascinante e inaspettato, portandoci a scoprire nuove sfumature del songwriting del nostro Fattie preferito. La copertina è ad opera della leggenda locale Danny Rebel, e dipinge una serie di citazioni dell’immaginario “noeffexiano” davanti allo storico locale di Montreal, il Foufones Electrique.

A suonare con Jeremy (Basso, Chitarra, Synth e Voci) ci sono il newyorkese Sammy Wags alle percussioni e il tastierista/cantante Ryan Nava, oltre ad un paio di cantanti di alto profilo: Sandrine Chouinard dei RADIUM MOON e Joyce N’sana che si cimenta in una ottima versione di Lori Meyers.

Forse l’idea di rileggere i pezzi dei Nofx attraverso un genere differente non è esageratamente innovativa (neanche per gli stessi Nofx). Eppure questo disco risulta sorprendentemente ascoltabile e coinvolgente fin da subito, grazie alla genialità degli arrangiamenti e alle emozioni “differenti” che riesce a suscitare, specialmente in chi già conosce ed ama i Nofx da tempo. Del resto, la tracklist sembra scelta proprio per questo tipo di ascoltatori: non è un disco infarcito dei soliti singoloni, che tuttavia non mancano, vedi Lori Meyers o Stickin in my eye. Ma è nella rilettura dei pezzi più rari della band californiana che vengono fuori delle vere e proprie perle, come nel caso della splendida “Freedom like a shopping cart”, seconda solo ad una incredibile, flesciatissima versione di “Pimps and Hookers”, a mio avviso vero apice dell’album. Il disco è divertente e mai noiso, molto valide anche “Dinosaurs will die”, “The Longest Line” e “Leaving Jesusland”, un gran pezzo a mio avviso troppo spesso sottovalutato. La scelta dei brani, l’ottimo livello produttivo e gli arrangiamenti complessi e “stilosi” quanto basta lo rendono un disco godibile al 100%. A riprova di questo, il singolo “Dinosaurs will die” è già in rotazione nelle radio canadesi. Decisamente da ascoltare per i fan dei Nofx, ma fondamentalmente straconsigliato a chiunque sia a caccia di nuova musica.

https://push.fm/fl/punkindublic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Rimani aggiornato con tutte le news direttamente nella tua inbox!

Iscriviti alla newsletter, inserisci la tua email:

Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03) NO SPAM! Potrai disiscriverti in qualisasi momento.

Previous Article

Torna Sarapunka!

Next Article

JIM LINDBERG: video di "You're Not Alone"

Potrebbe interessarti..
I PROSSIMI CONCERTI
Total
8
Share

Cosa aspetti?

Rimani aggiornato con tutte le news di Punkadeka.it direttamente nella tua inbox!

Inserisci la tua email


Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03)
NO SPAM!
Potrai disiscriverti in qualisasi momento.