Punkadeka.it CONTEST

PUNKROCK HOLIDAY DIARY – GIORNO UNO: PENNYWISE + IGNITE + REAL MCKENZIES….

I concerti sul main stage iniziano alle 19, quindi c’è tutto il giorno per cazzeggiare in città, prendere il sole, bere e mangiare…fortunatamente invece la programmazione del beach stage parte a mezzogiorno, e la prima band di oggi non si può perdere; si tratta di un nome abbastanza noto su Punkadeka: i brianzoli Wasei Hey!Go! (ex Murder We Wrote, ex Kappa Kappa Kappa, ecc…), che col loro pop-punk ultramelodico intrattengono per mezz’ora i (tanti) presenti. Rispetto agli anni scorsi il parterre del beach stage si riempie subito, stando a testimoniare la curiosità anche per le band piu piccole. I Wasei raccolgono apprezzamenti e grande partecipazione e replicano alle 20 con un concerto acustico sul palchetto della American Socks.

Sul main stage i Jesus Piece (mi) annoiano tantissimo con un hardcore violentissimo, con cantato growl, chitarroni ipersaturi e neanche un’idea che li elevi un attimo. I Generators non riesco a vederli, in compenso i Real McKenzies per ora si confermano i vincitori assoluti del festival, sia a livello di risposta del pubblico, che a livello di simpatia, di performance, e di attitudine. Anche gli Offspring avevano esaltato le 6.000 persone presenti, ma se loro sembravano essere li solo per “timbrare il cartellino”, per lavoro, Paul McKenzies e soci in quello che fanno ci mettono il cuore, si divertono un sacco e contagiano con la loro simpatia e il loro entusiasmo tutto il pubblico, che si inventa coreografie, balla e canta a squarciagola, come si conviene a un concerto di questo tipo (e anche qui pochissimi i cellulari attivi).

Purtroppo anche gli Ignite non riesco a vederli, tranne la loro cover di “Sunday bloody sunday” e un finale che mi è sembrato l’epilogo di un concerto molto partecipato.
Con i Pennywise non c’è lo stesso macello che con Real McKenzies e Offspring, ma il loro concerto fila via liscio tra i loro tipici inni come “Peaceful day“, “Fuck Authority” e “Same old story“, le tante cover (Ramones, Minor Threat, Beastie Boys, Bad Religion e ovviamente Stand By Me), e l’inevitabile invasione di palco finale durante “BroHymn“. C’è anche un siparietto assurdo con un ragazzo che salta sul palco, Fletcher inizia a spintonarlo, e gli strappa la camicia finchè Jim Lindberg interviene difendendo il ragazzo da Fletcher che si difende dicendo “Voleva darmi un calcio nelle palle e rubarmi la birra”. Boh.
Oggi programmo di passare un po’ di tempo alla rampa a vedere qualche skater e al beach stage.

 

4 comments
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Rimani aggiornato con tutte le news direttamente nella tua inbox!

Iscriviti alla newsletter, inserisci la tua email:

Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03) NO SPAM! Potrai disiscriverti in qualisasi momento.

Previous Article

PUNKROCK HOLIDAY DIARY - INTRO + GIORNO ZERO: THE OFFSPRING

Next Article

PUNKROCK HOLIDAY DIARY - GIORNO DUE: FACE TO FACE + ANTI FLAG

Potrebbe interessarti..
LEGGI TUTTO

GBH

GBH Punk Junkies recita il poster dell’advertising, brutti ricordi per il sottoscritto, stessa dicitura di quattro cinque anni…
Total
118
Share

Cosa aspetti?

Rimani aggiornato con tutte le news di Punkadeka.it direttamente nella tua inbox!

Inserisci la tua email


Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03)
NO SPAM!
Potrai disiscriverti in qualisasi momento.