BAD RELIGION – The decades: 90s

Bad Religion - The decades: 90s

Gli anni ’90 sono gli anni dove il mio amore per i Bad Religion è germogliato, prima di sbocciare nei 2000 dove ho potuto finalmente vederli dal vivo col Brett Gurewitz tornato in squadra.

Che decennio è stato per i Bad Religion? Il decennio dei 90s è stato il controverso periodo major iniziato però con il trittico Epitaph “Against the Grain”, “Generator” e “Recipe for hate”; c’è chi ha smesso di ascoltarli dal 93 in poi e chi invece con “Stranger than fiction” ha iniziato a conoscerli. Sicuramente in questo decennio l’entrata nella band di Brian Baker (Minot Threat/ Dag Nasty) ha portato maggior solidità e maturità alla band.

Bad Religion - The decades: 90s

Che scaletta hanno proposto in questo set? Ecco questo è il punto dolente. Come dicono gli stessi Bad Religion nel live, “questi sono gli anni dove le canzoni si sono fatte piu’ lunghe e piu’ complicate”. Questo è sicuramente un dato di fatto in quanto hanno iniziato a scavallare tranquillamente oltre i 3 minuti. Perdonatemi ma se avessero lasciato fuori dalla scaletta pezzi come “Faith alone” o “Struck a nerve” non avrebbero fatto un soldo di danno.

Gran belle canzoni sia chiaro ma non quelle che voglio dai Bad Religion in un live, e sopratutto non quelle che io considero piu rappresentative. Non puoi farmi una scaletta sugli anni 90 e lasciarmi fuori “Skyscraper” o “Kerosene” da Recipe for Hate, “Atomic Garden” o “No direction” da Generator o Ten in 2010 e Hear it da No Substance. Cari Bad Religion vi amo alla follia, penso che siete la piu’ grande live band esistente ma stavolta la scaletta l’avete cannata. Come diciamo a Roma: stacce! (ovviamente il sogno sarebbe stato di vedere spuntare fuori Tim Armstrong su Television ma quella è un’altra storia).

Bad Religion - The decades: 90s

Che concerto hanno proposto in questa decade? Partiamo dal fatto che di questa decade solo 3/5 della band era li al momento in cui questi album furono pubblicati. E mi permettete una ammenda pubblica? A me sciarpetta sta proprio sul c… Sia chiaro probabilmente è l’uomo migliore sulla faccia della terra ma come presenza scenica non vale un’unghia incarnita del mitico Greg Hetson. Fare un concerto senza pubblico non è roba facile ma i Bad Religion, seppur con qualche ruga in piu’ sul volto, riescono sempre a far scuola. Il nuovo batterista devo dire fa la sua porca figura in questa decade di Bobbie, un perfetto incrocio tra la sua metodicità e la potenza di Brooks.

I ragazzi partono a bomba con le tre parole piu pericolose mai usate da una religione “Come join us”. La partenza è tutta degli anni su major con “Stranger than fiction”, “The streets of America” (come ce sia finita in scaletta mi rimane un mistero visto che sono venti anni che la skippo da “The grey race”!) fino a “All fantastic images” (l’unica da No substance). Dopo fortunatamente si ritorna sugli Epitaph years e il ritmo risale. L’album piu rappresentato è sicuramente “Against the grain” che insieme a Generator probabilmente è il migliore di quei anni. Degna conclusione di questa decade è sicuramente il trittico “21st century digital boy”, “American Jesus” e il classicone “Punk Rock Song”.

Bad Religion - The decades: 90s

Cosa penso di questo live della decade dei Bad Religion? Sicuramente hanno dimostrato nuovamente (qualora ve ne fosse stato bisogno) che sono sempre i migliori anche se la scaletta mi ha lasciato tanto, ma tanto, amaro in bocca. Tra le quattro decadi forse quella che mi ha convinto meno. Voi che ne dite?

Scaletta

Come Join Us

Stranger Than Fiction

The Streets of America

Them and Us

Modern Man

Struck a Nerve

Infected

Recipe for Hate

Faith Alone

No Direction

Generator

Against the Grain

A Walk

Flat Earth Society

God Song

21st Century (Digital Boy)

American Jesus

Punk Rock Song

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Rimani aggiornato con tutte le news direttamente nella tua inbox!

Iscriviti alla newsletter, inserisci la tua email:

Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03) NO SPAM! Potrai disiscriverti in qualisasi momento.

Previous Article
Ancora una superband per un album del 2010

Ancora una superband per un album del 2010

Next Article
FRANCESCO: Portami Via

FRANCESCO: Portami Via

Potrebbe interessarti..
I prossimi concerti
Total
1
Share

Cosa aspetti?

Rimani aggiornato con tutte le news di Punkadeka.it direttamente nella tua inbox!

Inserisci la tua email


Iscrivendoti accetti il trattamento dei dati (D.L.196/03)
NO SPAM!
Potrai disiscriverti in qualisasi momento.