CAVAVERMAN: TALES FROM CAVAFISTOOL

CAVAVERMAN: TALES FROM CAVAFISTOOL
A cura di   |     |  
 Scrivi un commento!
CAVAVERMAN: TALES FROM CAVAFISTOOL

Secondo album per i brianzoli Cavaverman, ex Berenice Beach, ex Viboras, a circa due anni di distanza dal loro album di debutto “James Dead” (recensito qui).
Non ci sono grossi cambi di direzione, ma inaspettatamente c’è un grosso impennamento nella qualità generale dei pezzi…si tratta sempre quindi di horror-punk alla Misfits con qualche sfumatura diversa, tipo Bouncing Souls per i coroni anthemici urlati a squarciagola.
Questo per definire il sound, detto questo, i Misfits la capacità di scrivere pezzi così l’hanno persa all’epoca di “Famous Monsters“; quello che mi lascia a bocca aperta di questo album è la capacità di Sal e soci di tirare fuori materiale fottutamente FRESCO da un genere stantìo come quello che suonano…è la scuola Angus Young: sono sempre i soliti tre accordi, ma bisogna saperli suonare in un certo modo, e i Cavaverman lo sanno fare. Quindi se pensavate che in ambito punkrock da tre accordi era stato detto tutto, prendetevi sto disco e ripensateci.
Pezzi come il punk’n’roll iniziale di “Vampiro“, l’antemica “Yellow king“, il punkrock più classico di “Green Goblin“, la ballatona “Hero”, “Lora Ashley” che non avrebbe sfigurato su “American Psycho“, le atmosfere anni ’50 di “Dead boys of summer“, non sono esattamente ingegneria aerospaziale, ma far suonare nuovo e divertente un genere come questo non è cosa da tutti…un altro che lo fa in maniera eccellente è Lester Greenowski, ma come si vede sono veramente in pochi in Italia a riuscirci.
Non ho ancora citato quello che per me è il pezzo migliore del disco, e il più esaltante che sia uscito dai tempi del debutto dei Viboras: “Don’t worry about me”: 3 minuti di punkrock strappalacrime, cantato con piglio alla Elvis, che fan salire i brividi e inumidire l’occhio e mandano a casa qualsiasi pop-punk band americana post ’00.
Si, probabilmente esagero, ma credetemi, qui c’è se non del genio, dell’ottimo songwriting…e di questi tempi non è poco.
Qui potete sentire il disco: TALES FROM CAVAFISTOOL


Cosa ne pensi?   ...Scrivi il tuo commento!

Per scrivere un commento puoi:
effettuare il Login o registrarti
 
o compila i seguenti campi: